Hai un negozio? La rastrelliera per le bici attira i clienti più fedeli…

coop_lido_di_camaiore_rastrelliera_biciclette

Tre bici, tre clienti dentro a fare la spesa (foto scattata in orario di apertura, mercoledì mattina, 12 marzo)

Il piccolo punto vendita inCoop di via del Fortino a Lido di Camaiore ha la rastrelliera per le bici davanti all’ingresso. Se lo fa, un motivo ci sarà. È evidente che per i piccoli punti vendita offrire posto per le bici attira clienti, mentre la possibilità di parcheggio auto sulla strada, gratuito o a pagamento, non è più così determinante come si pensava una volta.

La riprova? Nella vicina via Ugo Foscolo, dove il parcheggio è gratuito e, in bassa stagione anche abbondante, negli ultimi dieci anni i piccoli negozi hanno chiuso uno dietro l’altro (anche prima dell’arrivo della inCoop) oppure hanno visto un grosso turnover.

Altra riprova? Sempre a Lido di Camaiore gli ambulanti del mercato settimanale fino all’anno scorso avevano spazio e abbondante parcheggio in viale Kennedy, dove i clienti potevano sfruttare sia il grandissimo parcheggio gratuito dell’Esselunga, sia i posti in prossimità sul lungomare (scarsi solo in alta stagione, ma generalmente abbondanti il lunedì, giorno di mercato). Ciononostante, per dieci anni hanno fatto pressione con l’amministrazione comunale per tornare in passeggiata, sul lungomare, dove lo spazio disponibile per il parcheggio è minore, è a pagamento, e l’area è pedonale. Perché? Perché la gente che passeggia acquista di più di chi ha l’auto parcheggiata in doppia fila.

Salvo alcuni tipi di attività commerciale, per i piccoli negozi di prossimità (verdurai, panifici, alimentari, abbigliamento, piccoli e grandi elettrodomestici, bar) favorire le piste ciclabili e allestire una rastrelliera per bici davanti alla vetrina può offrire diversi vantaggi:

  1. Permette una maggiore visibilità della vetrina
  2. Può ospitare fino a 8-10 bici (e altrettanti clienti) nello spazio di UNA sola auto
  3. Attira i ciclisti e chi fa la spesa in bicicletta, scoraggiandoli dal prendere la macchina per andare al centro commerciale (la Coop nella foto infatti è un piccolo supermercato)
  4. La limitazione del traffico automobilistico, per quantità, velocità e rumorosità, incoraggia i pedoni, e quindi lo shopping
  5. Amplia il raggio effettivo di influenza del negozio: siccome la bici in genere non comporta difficoltà di parcheggio, se so che è più facile arrivarci, posso arrivarci anche da un’abitazione più lontana.

Restano fuori dai vantaggi solo alcune attività che vendono merci pesanti o ingombranti, che però già adesso offrono spesso la consegna a casa, un servizio che è concorrenziale con i centri commerciali organizzati in modalità cash and carry. Quindi anche questi esercizi commerciali non sempre traggono un reale vantaggio dall’accesso automobilistico.

Anche le esperienze di altre città italiane e straniere dimostrano che aree pedonali, zone a traffico limitato (ZTL) e piste ciclabili, oltre ad aumentare il valore degli immobili vicini, in genere incoraggiano la spesa e lo shopping di prossimità, favorendo i piccoli negozi e i punti vendita specializzati, rispetto ai grandi centri commerciali. Al punto che in Francia sono addirittura le grandi catene che si attrezzano per facilitare le biciclette: chi fa la spesa in bicicletta è un cliente che fa gola anche a loro. I piccoli negozi italiani è meglio che comincino a darsi da fare prima possibile incoraggiando rastrelliere e piste ciclabili.

Qui alcune indicazioni pratiche su rastrelliere funzionali ed economiche consigliate da Fiab (in fondo al post).

Sei bici fuori, sei clienti dentro. Foto scattata mercoledì 25 giugno 2014

Sei bici fuori, sei clienti dentro. Foto scattata mercoledì 25 giugno 2014

8 agosto 2014, ore 10. Dodici bici fuori, dodici clienti dentro.

Venerdì 8 agosto 2014, ore 10. Dodici bici fuori, dodici clienti dentro.

Coop via del fortino lido di camaiore agosto

Giovedì 11 agosto 2016 – la rastrelliera è piena e numerosi clienti in bicicletta.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Trasporto sostenibile e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Hai un negozio? La rastrelliera per le bici attira i clienti più fedeli…

  1. Pingback: Le bici portano clienti. | Benzina Zero

  2. Pingback: Un’auto ruba spazio a dieci biciclette | Benzina Zero

  3. Pingback: “I giovani non vogliono più andare in auto a fare la spesa.” | Benzina Zero

  4. Pingback: Conad City sul lungomare di Viareggio installa due rastrelliere da bicicletta | Benzina Zero

  5. Pingback: Commercianti lungimiranti che mandano via i clienti | Benzina Zero

  6. Pingback: Quiz. Quante bici ci stanno in un posto auto? [video] | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...