Lido di Camaiore. Perché viale Kennedy è inutilmente pericolosa

Una soluzione semplice ed economica per le piste ciclabili. Ma non in Versilia: guai a togliere spazio alle auto! Anche quando lo spazio c’è.

In viale Kennedy a Lido di Camaiore è in corso di realizzazione una pista ciclabile lungamente attesa per collegare il lungomare con il supermercato Esselunga, con l’Ospedale Versilia (si spera) e con l’immediato entroterra lidese. Il tratto farà parte della ciclovia della via Francigena e quindi avrà grande importanza per il turismo versiliese in generale e per il cicloturismo in particolare. Inoltre può alleggerire il peso delle auto sul parcheggio dell’Ospedale Versilia, portando ogni giorno visitatori e lavoratori pendolari (tanto quelli dello’Ospedale quanto quelli del supermercato) in bicicletta o in bici elettrica a pedalata assistita invece che in auto.

I lavori in corso generano alcune perplessità e discussioni fra ciclisti ed esperti (fra cui anche architetti e addetti ai lavori). Il problema parte però dal fatto che, per quel che riguarda viale Kennedy a Lido di Camaiore, gli amministratori, i tecnici e gli automobilisti NON vogliono guardare in faccia la realtà:

  • Viale Kennedy è una strada inutilmente e pericolosamente troppo larga. È un esempio perfetto di inutile “autostrada in città”. Inutile e dannosa.

Con una carreggiata di 12 metri, lunga 800 metri circa (meno di un km!), unisce un semaforo sul lungomare con la rotonda dell’Aurelia (che è più stretta).

  In pratica è un brevissimo tratto di superstrada che unisce due colli di bottiglia.

Fosse lunga 12 km, si potrebbe dire che serve per unire velocemente diverse località. Ma è lunga 800 metri! A cosa serve questo genere di larghezza in un tratto di strada breve e peraltro con limite di velocità a 50 kmh? Un tratto di strada in cui gli incidenti sono abbastanza frequenti, e quasi sempre determinati dalla velocità eccessiva, appunto. Qui un comunicato stampa del Comune di Camaiore, datato 9 settembre 2009, in cui una soluzione, molto parziale peraltro, viene identificata con passaggi pedonali più visibili…

Eppure, come si vede dal filmato, invece di utilizzare l’ampio spazio disponibile in carreggiata per fare una pista rettilinea e semplice, con o senza spartitraffico, ogni genere di soluzione viene ricercata per evitare di togliere spazio automobilistico a una via eccessivamente e del tutto inutilmente larga.

Cosa avevano nella testa gli urbanisti che hanno progettato viale Kennedy nel secolo scorso?

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Prevenzione incidenti, Trasporto sostenibile e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Lido di Camaiore. Perché viale Kennedy è inutilmente pericolosa

  1. Pingback: Auto sulla pista ciclabile a Marina di Pietrasanta | Benzina Zero

  2. Pingback: Pista ciclabile di viale Kennedy a Lido di Camaiore: tortuosa e pericolosa | Benzina Zero

  3. Pingback: Cattiva urbanistica di Viareggio: Cittadella del Carnevale senza marciapiedi e pista ciclabile | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...