Piazza Dante a Viareggio: un’altra autostrada in città

Qui abbiamo parlato di piazzale Dante com’era prima dei lavori di ristrutturazione e aggiornamento. Frutto di 30 anni di cattiva urbanistica viareggina, purtroppo con i recenti lavori ha visto pochi miglioramenti dal punto di vista di viaggiatori, pedoni, ciclisti.

Strano, perché è il piazzale di una Stazione Ferroviaria, non una circonvallazione…

Invece è disegnata come se fosse una mini circonvallazione automobilistica intorno alle aiuole centrali, con due lunghi rettilinei (uno addirittura a due corsie) che incoraggiano le auto a correre (per arrivare più velocemente all’inevitabile prossima strozzatura urbana).

Dei passaggi pedonali, l’unica cosa positiva che si può dire è che sono stati ridipinti di fresco.

Oltre all’assenza di considerazione per il confort dei pedoni, nella piazza manca totalmente qualsiasi attenzione al problema della ciclabilità, il che nel 2014, nel piazzale di una stazione, è piuttosto grave, anche considerando che probabilmente progettazione e delibere sono state fatte nel 2013 o prima. Ma non è la prima volta che i sindaci di Viareggio degli ultimi 40 anni si dimenticano delle bici e dei pedoni. È un’abitudine regolare che il sindaco attuale ha promesso di correggere. Solo promesso, per ora.

Per il resto la piazza resta un luogo concepito prioritariamente per le auto con poche concessioni per gli utenti deboli: i pedoni e le biciclette.

Il che è assurdo visto che, essendo la piazza della Stazione, per logica e funzionalità dovrebbero essere privilegiati gli utenti in quest’ordine:

  1. Viaggiatori e turisti
  2. Taxi e mezzi pubblici
  3. Lavoratori e studenti pendolari
  4. Disabili, genitori con passeggini, bambini, anziani
  5. Altri pedoni in genere (compresi gli automobilisti che dopo aver parcheggiato regolarmente, si spera, vanno in stazione per intraprendere un viaggio in treno o per accogliere qualcuno)
  6. E infine, solo per ultime, le auto private in transito

Invece piazza Dante è organizzata prima di tutto per velocizzare le auto in transito, e solo secondariamente per i viaggiatori. Come se un supermercato decidesse di ostacolare l’accesso dei clienti per favorire il transito veloce delle auto intorno a sé.

La stazione è il biglietto da visita di una città per molti turisti, particolarmente quelli stranieri. Il biglietto da visita di Viareggio è, ancora oggi, brutto, poco leggibile e pieno di errori di ortografia.

Vialone due corsie Stazione Viareggio piazza Dante

Il vialone a due corsie davanti alla stazione. Praticamente una piccola autostrada in città, che per circa 200 metri incoraggia le auto ad accelerare prima dell’inevitabile strozzatura, con relativi rumore, polvere e inquinamento che scoraggiano l’uso della piazza da parte di ciclisti e pedoni

Passaggio pedonale Stazione Viareggio con taxi

Il nuovo e principale passaggio pedonale per accedere alla stazione. Posto davanti all’ingresso biglietterie, viene intralciato dai taxi. Come passaggio principale è scomodo per buona parte dei viaggiatori: quelli che hanno già biglietto o abbonamento, perché non hanno bisogno di transitare in biglietteria, e quelli in arrivo, che in genere sono più stanchi e frastornati di quelli in partenza, soprattutto se sono turisti.

Parcheggio motorini davanti stazione Viareggio

Moto parcheggiate dove presto dovrebbero sostare le corriere a breve.

Parcheggio bici Stazione Viareggio piazza Dante bici abbandonata

Le rastrelliere non sono sicure e non tutelano dal furto né dagli atti di vandalismo

Parcheggio bici Stazione Viareggio piazzale Dante agosto 2014

Le numerosissime bici in sosta nel parcheggio riservato in mezzo alla piazza. Per arrivarci c’è un solo passaggio pedonale. Inoltre le bici restano sotto il sole per quasi tutta la giornata, con forte usura per i mezzi e disagio per chi arriva e parte sotto il sole estivo

Parcheggio moto parcheggio bici Stazione Viareggio piazza Dante

Per qualche motivo, invece i parcheggi per i motorini sono più vicini alla Stazione rispetto a quelli delle bici (che sono alle spalle rispetto a questa inquadratura)

Passaggio pedonale parcheggio biciclette Stazione FZ Viareggio piazzale Dante

L’unico passaggio pedonale in prossimità del parcheggio delle biciclette. In pratica arrivando da via Mazzini si dovrebbe fare tutto il giro della piazza pedalando, oppure scendere al semaforo e fare buona parte della piazza a piedi, legare la bici e poi tornare indietro per arrivare al passaggio pedonale delle biglietterie (ma i pendolari di solito hanno l’abbonamento, per cui sarebbe opportuno anche un altro passo pedonale più vicino all’ingresso laterale della stazione).

Vecchio passaggio pedonale Stazione Viareggio Uscita viaggiatori

Il vecchio passaggio pedonale, cancellato. In prossimità dell’uscita, era molto più comodo sia per i viaggiatori in partenza già muniti di biglietto, sia per i viaggiatori in arrivo, normalmente più stanchi di quelli in partenza.

Da notare che nelle foto, scattate in una mattina d’agosto di bel tempo, quindi in alta stagione, non si vedono pedoni ma solo auto, biciclette e moto, rendendo le scene un po’ spettrali.

Per fare un confronto, l’aspetto della piazza intorno al 1940, quando la stazione era stata appena costruita.

Stazione di Viareggio 1936 circa

Piazzale Dante quando la stazione era stata costruita da poco.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Trasporto sostenibile, Versilia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Piazza Dante a Viareggio: un’altra autostrada in città

  1. Pingback: Trent’anni di errori in piazzale Dante a Viareggio | Benzina Zero

  2. Alvise ha detto:

    Che volete sperare da un dirigente come quello che è attualmente al settore lavori pubblici? E che dire dell’Assessore (o assessora?).

  3. Pingback: Viareggio 2015 – milioni per le strade, ma senza piste ciclabili | Benzina Zero

  4. Pingback: Sorpassi in piazzale Dante a Viareggio. [video] L’auto sorpassa, il pedone aspetta | Benzina Zero

  5. Pingback: Forte dei Marmi: le meravigliose panchine del lungomare con vista sul parcheggio | Benzina Zero

  6. Pingback: Viareggio: marciapiedi tagliati per fare posto alle auto… e scacciare i turisti | Benzina Zero

  7. Pingback: Cattiva urbanistica di Viareggio: Cittadella del Carnevale senza marciapiedi e pista ciclabile | Benzina Zero

  8. Pingback: Il parcheggio selvaggio crea degrado. Ma i viareggini non se ne rendono conto | Benzina Zero

  9. Pingback: Viareggio. Nel 2017 è intelligente fare un centro commerciale senza pista ciclabile? | Benzina Zero

  10. Giuseppe De Stefano consigliere comunale del Gruppo Misto ha detto:

    un sindaco solerte avrebbe provveduto in due anni di governo a trasferire i terminali bus urbani ed extra in p.za Dante vitalizzandola da mattina a sera, un deterrente certo contro la presenza di extracominitari irregolari, senza costi per l’erario ma a carico aziende trasporti. Giuseppe De Stefano del ruppo misto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...