90% degli incidenti auto-bici sono causati dall’auto (analisi su 2.572 incidenti)

La sicurezza è maggiore dove ci sono più bici

“Mentre gli automobilisti spesso accusano i ciclisti di essere la causa degli incidenti auto-bici, uno studio del 1998 relativo a 2.572 rilevazioni della polizia di Toronto dimostra che è vero il contrario. L’incidente più frequente in questo studio riguarda auto che non rispettano adeguatamente la precedenza allo stop o al semaforo rosso, o perché non fermavano adeguatamente, o perché ripartivano prima che fosse sicuro. Il secondo caso più frequente riguarda un’auto che ha sorpassato in modo non sicuro. Il terzo caso più comune è l’apertura della portiera di un’auto in sosta. Secondo questo studio i ciclisti sono la causa di meno del 10% degli incidenti che li vedono coinvolti.”

While motorists often accuse cyclists of being the cause of bike-car accidents, a Toronto analysis of 2572 police collision reports demonstrates that this is actually not the case. The most common type of crash in this study involved a motorist entering an intersection controlled by a stop sign or red light, and either failing to stop properly, or proceeding before it was safe to do so. The second most common crash type involved a motorist overtaking unsafely. The third most common type of crash is a motorist opening a door onto an oncoming cyclist. In fact, cyclists are the cause of less than 10% of bike-car accidents in this study (1).

Gli incidenti più frequenti (studio su 2572 casi avvenuti in contesto urbano)

  1. Mancato rispetto della precedenza – 284 (12.20%)
  2. Sorpasso non sicuro – 277 (11.90%)
  3. Apertura della portiera di un veicolo in sosta – 276 (11.90%)
  4. Veicolo a motore curva a sinistra 248 (10.70%)
  5. Veicolo a motore curva a destra 224 (9.60%)
  6. Veicolo a motore curva a destra con il rosso 179 (7.70%)
  7. Ingresso da strada laterale  179 (7.70%)
  8. Incrocio 73 (3.10%)
  9. Ciclista in senso vietato 59 (2.50%)
  10. Uscita da passo carrabile o strada privata (Ride Out At Mid-block) 51 (2.20%)

In città il problema è l’auto, non la bicicletta.

Per riportare lo studio alla realtà italiana si può certamente sostenere che i ciclisti italiani sono più indisciplinati dei ciclisti canadesi. Ma è improbabile che gli automobilisti italiani siano più disciplinati degli automobilisti canadesi.

È quindi evidente che, in generale, se non emergono studi che smentiscano questi dati, o se non si dimostra che in altre città il 90% delle volte l’automobilista è innocente, in genere nel traffico urbano il problema è l’auto, non la bici.

Link dell’articolo completo (Segnalazione ripresa dal blog “Pedalate sui denti”).

Toronto Police Bike-car collision study (PDF)

Alcuni consigli per la guida sicura in bicicletta (manuale realizzato dal Comune di Reggio Emilia): Manuale_bicisicura

AGGIORNAMENTO – Non risultano esserci studi analoghi in area Europea, tant’è vero che questo studio fatto su dati della Polizia di Toronto è stato utilizzato dalla Municipalità di Londra per la pianificazione del traffico urbano. Stando a un articolo apparso l’11 dicembre 2014 su Libération, secondo la Préfecture de police de Paris (l’autorità di polizia di Parigi), i ciclisti sono responsabili di incidenti nel 40% dei casi in cui sono coinvolti e provocano incidenti meno delle altre categorie di veicoli.

AGGIORNAMENTO – Secondo uno studio sull’incidentalità in bicicletta in Lombardia riportato dall’Eco di Bergamo: “I sinistri in bici si concentrano nelle città (90 per cento del totale) e la causa non è quasi mai legata al comportamento del ciclista.

Qui il documento completo della Regione Lombardia.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Bici nel mondo, Ciclismo urbano, Prevenzione incidenti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a 90% degli incidenti auto-bici sono causati dall’auto (analisi su 2.572 incidenti)

  1. Pingback: Incidenti mortali. Cosa c’entrano i ciclisti sui marciapiedi? | Benzina Zero

  2. Gianni Lombardi ha detto:

    Nei social network di fronte a questo post molti osservano: “Sì ma è a Toronto…”, “Sì, ma è il 1998…” Ciononostante, l’indagine è attendibile e molto indicativa in ogni caso. 1. Si tratta di 2.572 incidenti *verbalizzati* dalla polizia, e quindi rilevati con particolare attenzione; 2. I comportamenti automobilistici sono molto standardizzati in tutto l’occidente: i codici della strada, pur differendo nei dettagli, hanno forti analogie. 3. Eventuale “maggiore disciplina” degli automobilisti in un dato paese vengono compensati da analoga maggiore disciplina dei ciclisti, e viceversa. 4. Siccome i ciclisti in genere non sono assicurati, in caso di contenzioso c’è un forte incentivo delle assicurazioni a dare loro il torto… quindi se risulta che hanno ragione, è perché hanno ragione. 5. Se i ciclisti fossero causa di sinistro in modo particolarmente elevato, le assicurazioni si darebbero da fare per un’assicurazione obbligatoria. Insomma: se a Toronto risulta che il 90% degli incidenti auto-bici sono causati da comportamenti incauti degli automobilisti, difficile che in un altro paese risulti esattamente il contrario.

    Mi piace

  3. Pingback: Scontri auto-bici: come prevenirli | Benzina Zero

  4. Pingback: La portiera assassina. Guarda prima di aprire | Benzina Zero

  5. Pingback: Complicazioni e burocrazia. L’idea di Assoedilizia per la sicurezza stradale. | Benzina Zero

  6. Pingback: Sicurezza stradale, i dati Istat 2013 | Benzina Zero

  7. Pingback: L’automobilista ignaro (del Codice della strada) | Benzina Zero

  8. Pingback: Italia: ogni anno 600 pedoni uccisi. «La colpa è quasi sempre degli automobilisti» | Benzina Zero

  9. vittorio ha detto:

    ride out at mid block significa ingresso in strada da un viottolo o da un garage (senza guardare se arriva traffico, tipico errore dei ragazzini)

    Mi piace

  10. Pingback: Perché in città è bene circolare almeno a un metro dal margine destro. | Benzina Zero

  11. Pingback: Bicicletta: l’abbigliamento vistoso e fluorescente protegge meno di quel che si crede | Benzina Zero

  12. Pingback: Incidenti auto-bici: come avvengono negli Usa | Benzina Zero

  13. Pingback: Due automobilisti su tre non usano le frecce [Asaps] | Benzina Zero

  14. Pingback: Perché Roma come Amsterdam non si può ma come Los Angeles è ok? | Benzina Zero

  15. Pingback: Incidenti stradali, in Europa 26 mila morti l’anno, 71 al giorno | Benzina Zero

  16. Pingback: Apre la portiera, il bus la porta via | Benzina Zero

  17. Pingback: Incidenti auto-bici: di chi è la colpa? | Benzina Zero

  18. Pingback: Anche a Zurigo consigliano di pedalare a 1 metro dalle auto parchegggiate | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...