Sosta vietata e troppe auto: il vero degrado delle città italiane sono le auto che divorano spazio

malasosta via Vanchiglia Torino Malasosta sosta vietata

“Basterebbe rispettare il codice della strada” (cit)

“Basterebbe rispettare il codice della strada” è il mantra che viene ripetuto ogni volta che si parla di piste ciclabili, biciclette, zone 30 e ciclismo urbano. La bacchetta magica per risolvere i problemi di circolazione.

Però come dimostrano questa iniziativa torinese riportata dal Corriere della Sera, la foto qui sopra e questo filmato, il vero problema delle città italiane è costituito dalle auto. Messa semplicemente: sono troppe.  E troppe persone in Italia usano l’auto per fare percorsi sotto i cinque chilometri[1], ovvero percorsi che possono almeno nel 30% dei casi agevolmente essere percorsi a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici.

A Torino, l’ex capitale italiana delle auto, il comitato #Malasosta ha fotografato in poche ore 293 auto posteggiate in doppia fila in via Vanchiglia. Le 293 macchine sono state riprese in soli duecento metri di di strada, a distanza di un minuto l’una dall’altra, per due ore consecutive al giorno per tre giorni.

Da notare che in tutto il filmato, oltre alle 293 auto in doppia fila, si vedono alcuni pedoni passare fuori dalle strisce bianche. Curiosamente NON si vedono né biciclette sui marciapiedi, né biciclette contromano, né biciclette che passano col rosso, ovvero quelli che secondo alcuni sarebbero problemi talmente gravi e urgenti da richiedere la targa alle bici 🙂

[1] Perché è un problema fare tutti gli spostamenti urbani in automobile? Perché ogni auto ha bisogno di numerosi posti auto. L’equazione “1 auto = 1 parcheggio” è falsa. Per muoversi un’auto ha bisogno di almeno 5 o più posti auto: 1 sottocasa, 1 presso il lavoro, 1 al supermercato, 1 al bar, 1 al centro commerciale, 1 presso il panettiere, 1 presso la farmacia… Si può obiettare che l’auto ne usa solo uno per volta: è vero, ma i posti auto NON sono ottimizzabili. Nei quartieri residenziali restano liberi durante il giorno, presso gli uffici restano liberi durante la notte, di sabato quelli dei supermercati sono strapieni, durante la settimana sono semivuoti, e così via. È quindi evidente che per consentire la circolazione, per ogni auto presente in città, occorrerebbe prevedere almeno due o tre posti auto. È per questo che i parcheggi non bastano mai. Perché le auto divorano spazio.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Codice della strada, Motori e dolori e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Sosta vietata e troppe auto: il vero degrado delle città italiane sono le auto che divorano spazio

  1. GiorgioF ha detto:

    Guarda che la percentuale di auto in Italia per numero di abitanti è analoga a quella svizzera.
    La differenza la fanno la civiltà delle persone e la certezza della pena di beccariana memoria.
    Guarda qui lo statisticone (http://data.worldbank.org/indicator/IS.VEH.NVEH.P3).

    • Gianni Lombardi ha detto:

      “Analoga”? 682 in Italia contro 573 in Svizzera nel 2011? Facendo 100 la Svizzera, l’Italia ha il 15% di auto in più. Aggiungendo che in Italia ci sono meno posti auto privati (moltissime abitazioni ne sono prive) e che in città come Zurigo la maggioranza dei cittadini usa i mezzi pubblici, è evidente che l’ingombro stradale di auto in circolazione o parcheggiate in strada in Svizzera è inferiore. Ho viaggiato a lungo sia in Svizzera sia in Lombardia, e la Lombardia è un inferno stradale rispetto alla Svizzera. E NON SOLO perché gli automobilisti italiani sono indisciplinati. Ma anche perché le auto in giro sono TANTE.

  2. Losco ha detto:

    L’ha ribloggato su Di traffico si muore.

  3. Pingback: sotto l’albero (più parcheggi per tutti) | piombino in bici

  4. gianfiorito ha detto:

    Le auto sono un virus. Il vero danno di un’economia malata che impoverisce ed uccide l’uomo. Basta vedere :
    1 – Più auto più paghi la benzina https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10152546315413494&set=a.376288208493.158141.573748493&type=1&theater
    2 – Oil PIL vs GDP http://www.locchiodiromolo.it/blog/petroliovs-pil.html
    3 – La lotta tra ciclabili e doppia fila SI DEVE vincere (specie di fronte alle scuole) https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10152490448448494&set=pcb.10152490449308494&type=1&theater

    ciao

  5. Pingback: Auto elettrica: risolve alcuni problemi ma non tutti | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...