Come risparmiare sull’RC Auto con la tecnologia

auto sulla pista ciclabile ponte fiumetto marina di Pietrasanta

“Il satellite ci comunica che stai guidando pericolosamente…”

Il primo modo per risparmiare sull’assicurazione dell’auto è non possederla. Eliminare la terza, la seconda o anche la prima macchina in famiglia comporta risparmi complessivi che vanno da 300 a 1.000 euro al mese, per non parlare dei rischi di incidente.

Se però è indispensabile avere almeno un’automobile in famiglia, una buona notizia per gli automobilisti più responsabili e prudenti: la tecnologia sta iniziando a fornire strumenti per misurare i comportamenti alla guida e premiare quelli più virtuosi con premi assicurativi più bassi.

In Italia ovviamente siamo un po’ in ritardo, anche perché poche compagnie assicurative italiane hanno l’abitudine di girare agli assicurati i risparmi che ottengono da un minor numero di incidenti.

Però la tendenza è chiara:

  1. L’installazione in auto di strumentazioni che registrano e misurano gli stili di guida consente di risparmiare sul premio assicurativo (per chi guida piano e con prudenza, penalizzando gli amanti della guida sportiva). Per fare un esempio, basta misurare la tendenza a frenare bruscamente oppure i comportamenti dell’auto in curva per capire se la persona al volante è pericolosa perché inesperta o spericolata.
  2. Premi assicurativi basati sul chilometraggio effettivo percorso durante l’anno. Fai 3000 km l’anno? Paghi di meno di chi ne fa 30.000… anche se probabilmente se fai solo 3000 km l’anno forse dovresti interrogarti: “ma mi serve veramente l’auto? O non mi converebbero taxi, car sharing e mezzi alternativi?”
  3. Misurazione dei comportamenti virtuosi generali (compresi i comportamenti relativi alla salute) attraverso telefonini e orologi digitali.
  4. Videocamera di sicurezza a bordo per avere documentazione audio-video di eventuali incidenti.
  5. Comunicazione bidirezionale con l’automobilista: “abbiamo visto che nell’ultima settimana sta guidando un po’ pericolosamente e siamo costretti ad aumentarle il premio assicurativo se non cambia stile di guida…”

Dalle esperienze delle compagnie assicurative risulta che, quando è possibile misurare il comportamento dell’automobilista, questo preferisce risparmiare sul premio assicurativo piuttosto che passare col rosso o superare sistematicamente i limiti di velocità, è probabile che la tecnologia riesca a fare, almeno in parte, quello che razionalità e buona educazione non riescono: avere persone al volante più consapevoli dei pericoli e dei rischi che – sopra i 30 kmh – le automobili creano il pilota, per i passeggeri e per le altre persone che circolano sulle strade.

Qui l’articolo completo sulle tendenze generali del mondo delle assicurazioni: Insurance Risk and Reward – Data and technology are starting to up-end the insurance business (The Economist).

 

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Prevenzione incidenti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Come risparmiare sull’RC Auto con la tecnologia

  1. è un’installazione, vero?!? (quella della foto, intendo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...