Come nasce il sadomasochismo automobilistico (testimonianza di un poeta)

Grande poeta, ma automobilista imprudente

Filippo Tommaso Marinetti è stato un poeta e scrittore italiano, famoso per aver fondato il movimento artistico e culturale del Futurismo. Era anche un figlio di papà.

Nel 1907, quando Marinetti aveva 31 anni, muore il padre, lasciandogli una certa fortuna. Marinetti, trovandosi troppi soldi per le mani, decide di comprare una Isotta Fraschini, che però non sembra saper guidare molto bene. Nel 1908 ha un incidente il cui racconto è rivelatore:

Velocità crescente e impeto del motore che vuole strapparmi il volante dalle mani mie fragili di poeta. Rasentare un canale di fangosa acqua d’officina e scorgere a cento metri due incauti ciclisti già promessi all’ingordigia delle mie ruote. Istintivamente per questo scarto il mio ventre dal volante quando sento planetariamente capovolgersi lenta, meno lenta, prestissimo, la mia cento cavalli su di me. Faticosamente, a rantoli, mentre operai accorrono, mi estraggono, straccio fangoso elettrizzato da una gioia acutissima che collauda con spasimosi rigurgiti di orgoglio volitivo il Futurismo.”

L’incidente secondo Marinetti è l’episodio scatenante da cui nasce l’idea del Movimento Futurista.

In pratica:

  1. Marinetti guida come un pazzo pur essendo inesperto;
  2. Vede due ciclisti “incauti e promessi all’ingordigia delle sue ruote”;
  3. Sterza in modo istintivo e l’auto si rovescia;
  4. Finisce nel canale di “fangosa acqua d’officina”;
  5. L’incidente, invece di insegnargli che l’auto è un oggetto piuttosto pericoloso e le officine producono acqua fangosa non proprio saluberrima, lo elettrizza.

Ecco come nasce il sadomasochismo automobilistico, nonché l’arroganza nei confronti dei ciclisti “incauti”e “promessi all’ingordigia delle ruote” per il semplice fatto di essere sulla strada.

Da notare che le auto, praticamente fino all’introduzione degli airbag in epoche recenti, erano delle bare a quattro ruote: la Isotta Fraschini  nel 1911 fu tra le prime al mondo a installare i freni anche alle ruote anteriori. Marinetti viaggiava con un’auto che aveva i freni solo sulle ruote posteriori.
[Citazione del testo di Marinetti raccolta dal podcast della trasmissione Il falco e il gabbiano di Radio 24, condotta da Enrico Ruggeri (minuto 10 circa)]

Poteva andare peggio.

Poteva andare peggio.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Curiosità, Storia dell'automobile e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...