Edicola investe auto, colpa del semaforo…

L’auto investita dall’edicola. Colpa del semaforo pirata, fuggito dal luogo dell’incidente…

Nelle cronache degli incidenti stradali gli oggetti spesso si animano. Le auto “perdono il controllo”, l’asfalto “tradisce”, i semafori si assumono gravi responsabilità.

In questo caso avviene che  “Semaforo in tilt, auto si schianta contro l’edicola” all’incrocio fra via Fratti e via Marco Polo a Viareggio.

I fatti: il semaforo è lampeggiante da giorni perché guasto. Domenica mattina 26 luglio 2015 c’è un incidente fortunatamente senza vittime. Ecco come viene descritto:

Viareggio. Un altro incidente, domenica mattina, in via Fratti all’angolo con via Marco Polo dove il semaforo è fisso sul giallo ormai da giorni. Molti i danni ai mezzi coinvolti (un’auto è finita contro l’edicola di via Marco Polo), ma alle persone è andata bene.

I cittadini, però, protestano. Quell’incrocio ha già fatto le sue vittime ed una donna è ancora in coma dopo uno scontro avvenuto proprio lì.

Come si vede dalla foto, l’auto bianca è stata investita all’altezza della portiera sinistra dietro il guidatore ed è andata a finire, probabilmente ruotando con il retrotreno, sul marciapiede in prossimità dell’edicola.

Nell’articolo c’è un’altra foto, di un’auto scura con la parte anteriore distrutta, probabilmente l’altro veicolo coinvolto. Non si vede il semaforo, probabilmente fuggito…

È evidente che, se in un incrocio il semaforo è lampeggiante, l’incidente è dovuto probabilmente a mancato rispetto delle precedenze, a velocità eccessiva oppure entrambe le cose. Il fatto che un semaforo sia lampeggiante non esime dal rispetto della precedenza e anzi invita a maggiore prudenza.

Ciononostante, l’articolo descrive l’incidente come se il comportamento umano alla guida non avesse nessuna rilevanza, laddove lo stesso Aci Automobile Club d’Italia e l’Istat ci dicono chiaramente da anni che la principale causa degli incidenti è la velocità eccessiva. Qui per esempio i comportamenti da evitare in auto secondo Altroconsumo, fra cui: velocità eccessiva, mancato rispetto delle distanze di sicurezza, distrazioni con lo smartphone.

[Nota: questa è un’analisi linguistica basata sui contenuti di un articolo di cronaca e quanto appare dalle foto a corredo. Non si tratta di una perizia tecnica che può essere effettuata solo da personale qualificato sulla base di rilievi sul posto]

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Stampa e motori e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Edicola investe auto, colpa del semaforo…

  1. Pingback: L’auto è molto più pericolosa di quel che ci fa credere la pubblicità | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...