Bicicletta: l’abbigliamento vistoso e fluorescente protegge meno di quel che si crede

Se il ciclista indossa un giubbetto con scritto “POLIZIA” l’auto passa alla larga. Negli altri casi l’abbigliamento ad alta visibilità non cambia il comportamento degli automobilisti che, nell’1-2% dei casi passano pericolosamente a meno di 50 cm di distanza.

Secondo questo articolo della Association for Psychological Science nella rubrica Minds on the Road – The Science of What’s Driving Behaviour l’abbigliamento vistoso e fluorescente indossato dai ciclisti non modifica eventuali comportamenti pericolosi di chi guida l’auto:

Nonostante spesso i legislatori tendano a favorire abbigliamento vistoso per quel che riguarda il guardaroba dei ciclisti, le ricerche sul comportamento degli automobilisti non lo confermano. Alcune ricerche mostrano che l’abbigliamento ad “alta visibilità” non è efficace come si crede.

Uno studio dello psicologo Ian Walker dell’Università di Bath ha rilevato che l’abbigliamento ad alta visibilità non previene i sorpassi più pericolosi. Circa l’1-2% degli automobilisti passa entro 50 centimetri dal ciclista, indipendentemente da quello che indossa.

“Molte persone teorizzano che i ciclisti possono essere più sicuri se indossano abbigliamento ad alta visibilità. Il nostro studio suggerisce che, indipendentemente da come sono vestiti, l’abbigliamento non fa nulla per impedire che una minoranza di automobilisti sorpassi in modo pericoloso,” dice Walker.

Uno studio precedente, sempre dello stesso Walter, ha dimostrato anche che gli automobilisti passano più vicini ai ciclisti che indossano il casco rispetto a quelli che non lo indossano. I guidatori percepiscono i ciclisti col casco come più esperti e quindi pensano di poter passare più vicini.

Unica eccezione rilevata nel corso della ricerca: le automobili sorpassano i ciclisti tenendo ampio spazio solo quando questi indossavano una giacca fluorescente con scritto “POLICE” (Polizia).

Qui l’intero articolo “Bike Visibility Does Little to Change Drivers’ Dangerous Overtaking”.

Sulle strade italiane è comunque consigliabile rispettare le prescrizioni del codice della strada, avere luci funzionanti nelle ore notturne, indossare il giubbotto o le bretelle catarifrangenti sulle strade extraurbane di notte anche per evitare eventuali concorsi di colpa in caso di incidente, tenendo presente che secondo molte fonti, la responsabilità degli incidenti auto-bici è molto spesso degli automobilisti.

AGGIORNAMENTO – Questo studio “Visibility aids for pedestrians and cyclists: a systematic review of randomised controlled trials” esamina una serie di studi sugli effetti dell’abbigliamento ad alta visibilità (gilet catarifrangente, abbigliamento fluorescente e altro) per ciclisti e pedoni. Questo studio determina che:

Durante il giorno materiali fluorescenti in giallo, rosso e arancione migliorano riconoscimento e visibilità. (…) L’abbigliamento ad alta visibilità ha la potenziale capacità di migliorare visibilità e riconoscimento [di pedoni e ciclisti] e merita ulteriore sviluppo. Comunque l’impatto degli accessori ad alta visibilità sulla sicurezza di pedoni e ciclisti è sconosciuto e deve essere determinato. [qui sotto la conclusione originale in inglese della sintesi dello studio]

“For daytime, fluorescent materials in yellow, red and orange colours enhanced detection and recognition. “Biomotion” markings enhanced recognition. Substantial heterogeneity between the trials limits the possibility for meta-analysis. Visibility aids have the potential to improve detection and recognition and would merit further development to gain public acceptance. However, the impact of visibility aids on pedestrian and cyclist safety is unknown and needs to be determined.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo sportivo, Ciclismo urbano, Cicloturismo, Consigli tecnici e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Bicicletta: l’abbigliamento vistoso e fluorescente protegge meno di quel che si crede

  1. melocipede ha detto:

    Riportala tutta, perché merita: quelli che anziché POLICE (polizia) avevano i giubbini con scritto POLITE (gentile) non solo li stringevano di più, ma in caso di questioni li hanno pure maltrattati più degli altri
    E’ indicativo del clima di merda che c’è in giro…

  2. Pingback: Abbigliamento catarifrangente: essere visibili non è la stessa cosa di essere visti | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...