Vuoi migliorare turismo, commercio, lavoro, qualità della vita in Versilia? Sostieni Fiab Versilia Biciamici

Parcheggio bici bagno Imperia Viareggio  2014-08-09

Nonostante infrastrutture insufficienti, le bici in Versilia sono cruciali per il turismo e il piccolo commercio

Viareggio e la Versilia hanno bisogno di più piste ciclabili, zone 30 e aree pedonali per migliorare la viabilità, il traffico, il piccolo commercio e il turismo.

Viareggio negli ultimi decenni è stata trasformata in un parcheggio a cielo aperto, e così molte aree dei paesi della Versilia. In alcuni quartieri le auto hanno occupato ogni spazio, e la situazione diventa ancora più caotica nei weekend e in primavera-estate.  Ciononostante, anzi proprio per questo, le aree commercialmente più appetibili, sia per il fatturato dei negozi, sia per i valori immobiliari, sono le aree pedonali e quelle a traffico limitato.

In un’area a clima mite come la Versilia, e a forte vocazione turistica, favorire la bicicletta e la ciclabilità è l’unica possibilità per avere maggiore traffico commerciale e turistico senza pesare sul territorio come con la mobilità automobilistica.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui adesso.

Oppure clicca qui per iscriverti a una delle altre associazioni Fiab in tutta Italia. Le associazioni Fiab organizzano anche incontri, bike breakfast, ciclopedalate, biciclettate, ciclo-aperitivi, escursioni e viaggi in cicloturismo e numerose altre attività.

Qui 6 buoni motivi per iscriversi subito e sostenere la ciclabilità urbana ed extraurbana.

1. Ogni auto ha bisogno di almeno 4-5 posti auto per circolare. Una bici no.
A differenza di quello che credono molti, NON basta un solo posto auto per un’auto. Se tutta la mobilità dovesse avvenire solo in auto, occorrerebbero almeno cinque posti auto per ciascuna automobile, pubblici o privati:

  1. Un posto auto sottocasa
  2. Uno presso il posto di lavoro
  3. Uno al supermercato
  4. Uno presso lo stabilimento balneare
  5. Uno al ristorante, in trattoria eccetera.

Questi posti auto non sono ottimizzabili o intercambiabili: il posto a casa diventa libero quando vai al lavoro, e spesso nessun altro lo può occupare. Ecco il motivo per cui i parcheggi – pur essendo tantissimi – sembra non bastino mai: perché ogni auto, a meno che non stia sempre ferma, ha bisogno da 3 a 5 posti auto per poter circolare.

Meno auto inutili ci sono in giro, meglio è anche per gli automobilisti che ne hanno realmente bisogno, e per i lavoratori che usano auto e furgoni per lavoro: autisti, agenti di commercio, artigiani, riparatori.

Vialone due corsie Stazione Viareggio piazza Dante

Le auto creano degrado. Nessuno vuole passeggiare vicino a un’autostrada affollata.

2. La bicicletta è l’amica dei piccoli commercianti.
Moltissimi spostamenti sotto i 5 km possono essere fatti a piedi o in bicicletta. E proprio per questo motivo, e per la sua grande facilità di parcheggio (in un singolo posto auto ci stanno almeno dieci biciclette), la bicicletta è il mezzo ideale per fare spese e commissioni presso gli uffici locali e presso i piccoli negozi di quartiere. Se sei un commerciante e vuoi maggiori informazioni per richiamare più clienti presso il tuo negozio, per esempio installando una rastrelliera per bici come stanno facendo molti operatori, comprese grandi catene che operano presso zone a traffico limitato, contatta Fiab Biciamici Versilia, oppure clicca qui per sostenere subito l’associazione.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui.

Via Marconi Viareggio Bagno Corallo 2014-08-09 19.12.19

Il cicloturismo è in crescita e destagionalizza il turismo
Il cicloturismo è in crescita in tutta Europa (si valuta un giro d’affari di 44 miliardi), e offre numerosi vantaggi per Albergatori, Pensioni, Bed & Breakfast e altri operatori turistici:

  • Hanno un reddito medio-alto
  • Non potendo viaggiare con troppi bagagli, hanno bisogno di più servizi sul posto
  • I soldi che risparmiano in benzina possono essere spesi in alberghi e ristoranti
  • Evitano agosto e preferiscono viaggiare in primavera e in settembre.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui. Oppure contatta l’Associazione per informazioni sull’iniziativa Albergabici per albergatori, pensioni e B&B ospitali per i cicloturisti.

3. La bicicletta è l’amica degli operatori turistici e balneari
A Viareggio e in Versilia in molte aree almento il 50% dei turisti si recano presso il proprio stabilimento balneare a piedi o in bicicletta. Nei weekend di sole ci sono da 50 a 100 biciclette parcheggiate in prossimità del bagno o nell’apposito parcheggio quando questo vi ha dedicato uno spazio. A Viareggio e Lido di Camaiore si parla di 5.000 – 8.000 biciclette fra quelle che stazionano nei bagni e quelle legate in passeggiata o davanti ai bar e altri punti vendita. Per fare un confronto, nella lunghezza della passeggiata di Lido di Camaiore il parcheggio ospita circa ottocento posti auto, in parte occupati da residenti e da lavoratori dei bagni, quindi poco capienti per i turisti e per chi va e viene dalla passeggiata. Qui alcuni filmati registrati sul lungomare a Viareggio e Lido di Camaiore.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui. Oppure contatta l’Associazione per informazioni e attività che portino più turisti e cicloturisti nei bagni della Versilia.

Via Marconi Viareggio Bagno Amore 2014-08-09 19.13.54

4. Piste ciclabili strette e insufficienti
Purtroppo le piste ciclabili, le aree pedonali e le Zone 30 della Versilia sono insufficienti. Le piste ciclabili sono spesso strette, mal realizzate e mal raccordate fra loro. Per esempio, in Città Giardino a Viareggio, la pista ciclabile in realtà è un viottolo pedonale adattato a pista ciclabile ma talmente stretto che due cicloturisti che si incrociano possono avere difficoltà a causa della larghezza delle borse. A Marina di Pietrasanta la pista ciclabile sul lungomare è una specie di gimcana fra marciapiedi e parcheggi. Idem, parte del tratto di Forte dei Marmi. A Lido di Camaiore l’Ospedale Versilia è difficile da raggiungere tanto a piedi quanto in bicicletta, nonostante ci siano diversi quartieri residenziali in prossimità. Inoltre, anche se non si trovano nello stato pietoso di molti marciapiedi viareggini, le piste ciclabili sono spesso mal tenute o piene di buche ed ostacoli.

Via Tommaso D'Aquino, Viareggio

Via Tommaso D’Aquino, Viareggio. Chi passeggia volentieri in una via così intasata di parcheggi?

5. Senza piste ciclabili, la Versilia turistica sarebbe paralizzata
Ciononostante le piste ciclabili versiliesi smaltiscono moltissimo traffico locale. In alta stagione sulla pista del lungomare passano almeno 10.000 biciclette al giorno, con punte fino a 15.000 e oltre. In bassa stagione in via Fratti passano da 1.000 a 2.000 bici al giorno, mentre nei giorni di mercato a Viareggio sul lungo mare passano da 2.000 a 3.000 bici al giorno in bassa stagione. Sul lungomare spesso le bici che circolano sono in numero maggiore rispetto alle auto.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui. Ciclabilità, piste cliclabili e iniziative treno più bici sono le sole possibilità di far crescere il turismo in Versilia senza eccessi di congestione automobilistica che portano degrado e cattiva qualità della vita.

Parcheggio bici Bagno Cristallo in corrispondenza del Bingo -Ideal Pary. Circa 70 biciclette

Parcheggio bici Bagno Cristallo in corrispondenza del Bingo – Bar Cristallo. Circa 70 biciclette

6. Amministrazioni, vigilanza urbana e commercianti ancora poco sensibili
Nonostante tutte queste evidenze, amminsitrazioni, partiti, vigili urbani e commercianti locali sono ancora poco sensibili alle esigenze della ciclabilità, e alle sue opportunità. Basti pensare che nel 2014 Viareggio aveva messo in discussione una bozza di Regolamento del decoro urbano che vietava di parcheggiare le bici sul marciapiede, sulla strada, appoggiare il pedale sul cordolo del marciapiede, o legarla ai pali. In pratica un regolamento che vietava ogni genere di sosta per le bici, salvo legarla alle rare rastrelliere pubbliche, talvolta persino installate male. I piccoli commercianti, inoltre, sono spesso convinti che i clienti arrivano da loro principalmente in auto, mentre in realtà l’auto favorisce supermercati e grandi centri commerciali, e di contro la bicicletta favorisce i piccoli negozi.

L’arretratezza burocratica e amministrativa è tale che a Viareggio è stato vietato il transito delle bici sul ponte ciclopedonale presso il molo, la nuova via delle Darsene è stata inaugurata nel 2014 senza marciapiedi e senza pista ciclabile, tuttora non esiste un raccordo ciclabile fra il lungomare e la stazione ferroviaria e persino il nuovo ponte girante in darsena è stato progettato senza pista ciclabile.

Per iscriverti o sostenere Fiab Biciamici Versilia, clicca qui. Anche se non sei residente in Versilia ma vieni ogni tanto oppure regolarmente in vacanza, la tua voce può pesare per migliorare la qualità della vita di residenti e turisti insieme. Perché le città più vivibili per i residenti sono anche le più attraenti per i turisti. Puoi iscriverti online, subito, oppure prendere accordi per iscriverti in sede o presso uno dei prossimi banchetti Fiab Biciamici Versilia.

Oppure clicca qui per iscriverti a una delle altre associazioni Fiab presenti in tutta Italia.

Le associazioni Fiab organizzano anche incontri, bike breakfast, ciclopedalate, biciclettate, ciclo-aperitivi, escursioni e viaggi in cicloturismo e numerose altre attività.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Camaiore, Ciclismo urbano, Cicloturismo, Forte dei Marmi, Pietrasanta, Trasporto sostenibile, Versilia, Viareggio e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Vuoi migliorare turismo, commercio, lavoro, qualità della vita in Versilia? Sostieni Fiab Versilia Biciamici

  1. Omar ha detto:

    Buongiorno nel mio paese stiamo cercando di organizzare una serata per sensibilizzare le persone su queste tematiche e siamo alla ricerca di materiale (naturalmente postero il suo articolo su facebook). Una volta ho visto un articolo che dimostrava (con dati statistici) il vantaggio per i piccoli commercianti ad avere più piste ciclabili e meno auto. Volevo sapere se avete qualche dato o sito dove reperire questi dati o qualsiasi informazione utile. Grazie per la disponibilità

  2. Pingback: Caffè e cornetto 1 € per “Bike to work” a Viareggio | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...