Lapsus freudiano dell’Audi: il dinosauro è l’auto.

In questo spot Audi un tirannosauro ricorda con nostalgia quando dominava il mondo. Alla fine del film trova l’auto che fa per lui, la nuovissima e bellissima Audi a guida automatica.

Ma è evidente che il dinosauro rappresenta l’automobile stessa: un veicolo anacronistico nelle nostre città, veloce nei grandi spazi ma lento e pachidermico in città, causa unica e principale del traffico urbano nel 99% delle città mondiali (si salvano Venezia, Amsterdam, Copenhagen, altre città danesi e olandesi, qualche città scandinava), causa principale di incidenti stradali e grave concausa di inquinamento e riscaldamento globale, sia nell’uso stradale sia nel processo industriale.

Che la soluzione della mobilità urbana “non sia mettere più auto in città” come dice un alto dirigente BMW, infatti, ne è segretamente consapevole anche l’industria automobilistica.

Ciononostante in Europa cerca di tenere la posizione, limitandosi a ritardare il più possibile il declino fra truffe sui consumi e sovvenzioni di stato, mentre, analogamente all’industria del tabacco, cerca crescita nei paesi in via di sviluppo, dove sta obbligando Cina, India e altri paesi in via di sviluppo a ripetere gli errori urbanistici e di mobilità commessi dagli Stati Uniti e dall’Europa nel secolo scorso.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Pubblicità e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Lapsus freudiano dell’Audi: il dinosauro è l’auto.

  1. anemmuinbiciazena ha detto:

    L’ha ribloggato su Anemmu in bici a Zena!e ha commentato:
    i dinosauri del traffico sono le auto (ma non solo: i vecchi bus inquinanti, i due tempi drammaticamente obsoleti, l’assenza di tram ormai estinti ….)

  2. Pingback: Lo strano inconscio dell’industria dell’auto | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...