Problema parcheggi: la Cina ripete gli stessi errori dell’Occidente [Economist]

Ciclisti arroganti automobili Milano 7

Come viene brillantemente risolto il problema del parcheggio per esempio a Milano. In Cina stanno imparando anche loro.

Neo-automobilisti e urbanisti di paesi in via di sviluppo scoprono presto un problema dell’automobile: sarà anche bella, ma in tutte le città è in-gom-bran-te.

In Cina lo stanno scoprendo adesso, non avendo imparato niente da cento anni di errori urbanistici di Europa, Stati Uniti e resto del mondo. Se circolano tante auto, mancano sempre i parcheggi:

Il governo stima che la Cina abbia una carenza di circa 50 milioni di posti auto. Il suo obiettivo è 1,3 posti auto per automobile, la norma nei paesi più ricchi (incluso il parcheggio residenziale). Nelle città cinesi più grandi il rapporto è 0,8. Le città più piccole hanno 0,5 stalli per automobile.

the government reckons China has a shortage of roughly 50m parking spaces. Its target is 1.3 parking spaces per car, the norm in richer countries (including residential parking). In China’s biggest cities, the ratio is 0.8. Smaller cities have just 0.5 spaces per car.

Questa è la situazione in Cina, analoga peraltro a quella di molte città italiane pur dopo quasi cento anni di motorizzazione spesso anarchica (L’Italia è il paese con la maggiore densità di auto pro-capite, con Roma la capitale più congestionata d’Europa).

Da notare che 1,3 posti-auto per ciascuna automobile è un parametro minimale e assolutamente ottimistico: i posti auto non sono facilmente ottimizzabili e ogni automobile in media ha bisogno di tre parcheggi per poter circolare: sotto casa, presso il posto di lavoro e presso il negozio dove si fa la spesa. Se una città è costruita con il criterio dei quartieri dormitorio e di zone industriali e quartieri per uffici, i parcheggi sottocasa restano vuoti di giorno e i parcheggi sotto il lavoro restano vuoti di notte. Ecco perché il problema del parcheggio resta insolubile in tutte le città del mondo, a meno che non venga ridotto il numero di automobili in circolazione spostando la mobilità sui mezzi pubblici e su mezzi alternativi come biciclette tradizionali e biciclette elettriche, come hanno fatto in Olanda e in Danimarca. Los Angeles ha 3,3 posti auto per ogni automobile: in teoria dovrebbe essere il paradiso, in realtà hanno grossi problemi di traffico e parcheggio anche lì.

Perché questo errore si ripete, con regolarità, in tutte le città del mondo, da quasi un secolo negli Usa e da 70 anni in Europa? Per un semplice fenomeno: l’industria dell’auto fa una forte pressione pubblicitaria, di marketing e politica per vendere auto, lasciando il cerino in mano all’automobilista e al pianificatore urbano per risolvere il problema dei parcheggi. Che si può risolvere in un solo modo: diminuendo il numero di auto in circolazione in città, come hanno fatto a Copenhagen, Amsterdam e numerose altre città in Danimarca e in Olanda. Infatti nessuna città al mondo ha risolto il problema dei trasporti urbani privilegiando l’automobile privata: semplicemente non funziona, la città si congestiona.

Qui l’articolo completo dall’Economist sul caso cinese: China’s other car problem.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Motori e dolori, Parcheggi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Problema parcheggi: la Cina ripete gli stessi errori dell’Occidente [Economist]

  1. Pingback: In città l’automobile ha fallito le sue promesse pubblicitarie e di mobilità | Benzina Zero

  2. Pingback: Perché c’è traffico anche a Los Angeles? | Benzina Zero

  3. Pingback: Come stimare la presenza di posti auto in una città | Benzina Zero

  4. Pingback: L’industria dell’auto agisce come l’industria del tabacco | Benzina Zero

  5. Pingback: I parcheggi in città sono spazio sprecato [The Economist] | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...