Perché c’è traffico anche a Los Angeles? Perché l’auto privata non funziona

Il filmato mostra una veduta aerea del traffico a Los Angeles.

“But traffic is so bad in Los Angeles that each resident loses around $6,000 a year twiddling their thumbs in traffic—at a total cost of $23 billion, the costs are estimated to exceed that of the whole of Britain.”

“Il traffico è così congestionato a Los Angeles che ogni residente perde circa 6.000 dollari l’anno girando i pollici in coda — a un costo totale di 23 miliardi, costi che superano quelli di tutta la Gran Bretagna.”

“The costs of Traffic Jams”, The Economist

Los Angeles è la dimostrazione del fatto che è impossibile risolvere in modo efficace il problema del traffico privato con l’automobile privata. Per quanto spazio venga dedicato alle strade e ai parcheggi, il traffico si crea perché, a differenza dei gas che tendono a diffondersi in modo omogeneo cercando un equilibrio medio nelle diverse zone dello spazio, le persone che vanno in auto tendono a concentrarsi periodicamente verso alcune destinazioni specifiche e principali:

  • Dai quartieri residenziali alle aree industriali e ai centri direzionali e quartieri di uffici
  • Dai quartieri residenziali ai centri commerciali
  • E viceversa

Dato il grande ingombro delle automobili e l’impossibilità di ottimizzare i parcheggi, si crea l’inevitabile congestione urbana, sia quando hai strade strette come nei centri storici delle città italiane, sia quando hai strade larghissime come quelle che vediamo nel filmato: le auto tendono a saturare in ogni caso certe zone della città, riducendo la velocità media fino ad avvicinarsi a quella di una bicicletta o addirittura di una persona che cammina.

È un problema per il quale non esiste soluzione:

  • Se vuoi agevolare le automobili, devi dedicare enormi spazi a strade, svincoli e parcheggi (a Los Angeles si parla del 70% dello spazio urbano). Sul territorio urbano di Los Angeles si stima che ci siano 3,3 posti auto per ciascuna automobile in circolazione. Nonostante siano più del triplo di quelli disponibili nelle città cinesi, non bastano.
  • Questo significa che devi creare quartieri a grande dispersione urbana (poche persone per kmq vivono in villette unifamiliari servite da un vasto reticolo di strade) — ovvero gli spazi si dilatano e tutto il tempo che teoricamente guadagni grazie all’auto privata lo perdi a causa di code, ricerca di parcheggio e distanze di percorrenza. Il territorio di Los Angeles è lungo 71 km e largo 47. Attraversare Los Angeles in lunghezza è come andare da Genova alla Spezia, ovvero percorrere mezza Liguria.
  • Inoltre, più strade costruisci, più intersezioni crei: ogni incrocio è una discontinuità che rappresenta un potenziale punto di congestione.

In cento anni di automobilismo di massa, nessuno ha risolto il problema del traffico, soprattutto non l’ha risolto costruendo più strade e più parcheggi.

Per capirlo basta domandarsi questo: “Perché nella maggior parte delle città del mondo se togli le auto il traffico migliora, se togli i mezzi pubblici il traffico si paralizza?”

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Storia dell'automobile, Trasporto sostenibile e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Perché c’è traffico anche a Los Angeles? Perché l’auto privata non funziona

  1. Pingback: “La nuova superstrada eliminerà il traffico per generazioni”. E invece aumenta | Benzina Zero

  2. Pingback: I parcheggi gratis peggiorano il traffico | Benzina Zero

  3. Pingback: L’industria dell’auto agisce come l’industria del tabacco | Benzina Zero

  4. Pingback: Unica soluzione per il traffico di Firenze: meno auto, più biciclette [Fiab] | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...