Quiz. Sarebbe utile la targa per le biciclette? [Risposta: probabilmente non servirebbe a niente…]

Sarebbe utile imporre la targa anche alle biciclette?

1280px-italy_licenseplate_roma_2

Mentre le targhe per le auto sono state introdotte quasi subito, sentendo immediatamente necessaria l’identificazione di veicoli così pericolosi, in oltre duecento anni di storia della bicicletta le esperienze di targatura obbligatoria sono state rarissime in tutto il mondo.

Risposta. In nessun paese europeo esiste la targa per le biciclette. In tempi moderni l’unico era la Svizzera, che l’ha abolita nel 2011. Basta questo per chiarire che si tratta di un’idea che probabilmente non serve a niente né per la repressione delle infrazioni stradali, né per la prevenzione dei furti di biciclette. Per farla funzionare dovrebbe essere messo in atto un apparato burocratico analogo al Pubblico Registro Automobilistico, la registrazione notarile di ogni acquisto e compravendita di biciclette, la radiazione dal registro delle biciclette rottamate. Se anche la Svizzera, unico paese europeo a prevedere una forma di targatura ciclistica in tempi moderni, ha abolito la targa per biciclette, forse il gioco non vale la candela.

Normalmente questa idea emerge periodicamente nei social network o da figure pubbliche di vario genere (presidenti di associazioni, politici locali). Chi formula questa proposta si identifica automaticamente come totalmente incompetente in tema di mobilità urbana e ciclismo urbano perché evidentemente non ha fatto la minima ricerca per vedere se esistono esperienze analoghe e quanto siano servite.

Quindi, no: probabilmente sarebbe una complicazione inutile priva di utilità reale.

Diverso il discorso della marcatura identificativa a scopo antifurto. Esistono diversi sistemi, volontari e di modesto costo, che identificano in modo univoco il telaio della bicicletta ai fini di una denuncia in caso di furto, ma che non comportano le complicazioni e la burocrazia di una targa identificativa come quella obbligatoria per i veicoli a motore.

Qui le varie bislacche proposte partorite da associazioni e partiti negli ultimi anni per targare le biciclette.

 

Qui altri quiz per verificare se conosci veramente automobili, traffico, biciclette e altri problemi di mobilità urbana.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Bici nel mondo, Codice della strada, Quiz. Verifica la tua conoscenza del codice della strada e dei problemi della mobilità urbana e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Quiz. Sarebbe utile la targa per le biciclette? [Risposta: probabilmente non servirebbe a niente…]

  1. Eugenio Callegari ha detto:

    Non serve la targa per le biciclette, serve maggior SENSO CIVICO e le più elementari NORME del VIVERE CIVILE…….

    "Mi piace"

  2. Pingback: Il titolo cretino dell’anno | Benzina Zero

  3. strefano ha detto:

    Assolutamente utile come assicurazione casco campanello e luci

    "Mi piace"

  4. strefano ha detto:

    E specchietti

    "Mi piace"

  5. M Gallas ha detto:

    Attesa la sua competenza in materia, mi spiegherebbe cortesemente, come un agente di Polizia Urbana potrebbe sanzionare il comportamento del ciclista tipo che se ne infischia bellamente delle elementari regole di circolazione e di rispetto (bici sul marciapiede, nelle zone pedonali, sensi unici presi al contrario etc…). Allo stato attuale non puo nemmeno imporre uno stop secco al “genio bicimunito” di fatto non è possibile fermare il trasgressore che tranquillamente può proseguire il suo percorso. Quindi, identificare il mezzo con una semplicissima targhetta – possibile , credo senza inutili complicazoni burocratiche – pare così assurdo? Per gli amici svizzeri, che dire, penso abbiano rinunciato ad un provvedimento unico ( e con questo?) ma civilissimo, per i risultati, non ho dati che confortino le tesi a favore o contrarie, in merito all’aumento dei furti o dei comportamenti incivili; non dimenticando che parliamo di svizzeri, ça va sans dire.

    "Mi piace"

    • Gianni Lombardi ha detto:

      Le bici vengono multate normalmente, così come normalmente possono essere multati i pedoni. Non è vero che non possono essere multati per assenza di targa identificativa sul retro. Si tratta solo di volerlo fare. Spesso non lo fanno per il semplice motivo che le infrazioni dei ciclisti sono meno gravi e meno pericolose di quelle degli automobilisti e quindi è meglio concentrare le risorse su quel fronte. E resta il fatto che la targa per bici non esiste in NESSUN paese europeo. È evidente che non serve a molto.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...