Ottobre 2017: “l’emergenza” smog iniziata *prima* dell’accensione dei riscaldamenti

the-economist-22the-dirty-secrets-of-car-industry22-sept-2015

Quest’anno l’emergenza smog e polveri sottili in nord Italia è partita in anticipo, prima dell’accensione dei riscaldamenti. È quindi evidente che, se gli impianti di riscaldamento e le stufe a pellet hanno un ruolo importante (quando sono accesi), è altrettanto importante il ruolo dei motori a scoppio e del traffico urbano. Le polveri sottili vengono infatti prodotte sia dalla combustione dei motori, sia dal rotolamento dei pneumatici sulla strada, che produce usura sia nelle gomme sia nel manto bituminoso, e solleva le polveri depositate sul terreno.

Quest’anno il picco di polveri sottili nell’aria non ha aspettato il rigido inverno, anzi è arrivato con largo anticipo, prima in primavera e poi in autunno, complici i cambiamenti climatici e poi la mancanza di interventi strutturali da parte di regioni e sindaci per arginare il problema. Con un autunno quasi estivo e l’assenza di piogge, da gennaio a metà ottobre sono già 5 su 8 i capoluoghi piemontesi ad aver superato il limite di 35 giorni con una media giornaliera oltre i 50 microgrammi per metro cubo previsto per le polveri sottili (PM10).

Smog, Legambiente “Inaccettabile che la politica si sia fatta trovare ancora una volta impreparata”

 

BOLOGNA – Per la prima volta da quando sono scattate le misure antismog (lo scorso 1° ottobre in regione, il 2 ottobre a Bologna) vengono imposte misure emergenziali in quattro province in cui si sono registrati sforamenti delle polveri PM10 per quattro giorni consecutivi.

È già allarme smog, misure d’emergenza in nove Comuni dell’Emilia-Romagna (La Repubblica)

Da ricordare inoltre, per chi va in auto, che in città l’aria dentro l’abitacolo dell’auto è più inquinata di quella esterna.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Inquinamento e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ottobre 2017: “l’emergenza” smog iniziata *prima* dell’accensione dei riscaldamenti

  1. Dario Borgogno ha detto:

    Evidentementemente la salute pubblica a Torino non è una priorità.
    Ecco i commenti odierni (nei giorni scorsi ce ne sono stati svariati altri) della stampa torinese sull’argomento smog:
    http://www.lastampa.it/2017/10/20/cronaca/smog-chiamparino-apro-le-finestre-e-vado-in-bici-meglio-misure-coordinate-tra-i-comuni-04xlCbQc6VsWqmtgYHG9DP/pagina.html
    http://www.lastampa.it/2017/10/20/cronaca/rubriche/cara-torino/non-colpiamo-i-pi-deboli-mFibIP80irMzUXnlXdllbL/pagina.html

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...