Obiezioni stupide alle auto a guida autonoma

assalto alla diligenza

Uno dei pericoli della guida autonoma…

In questo articolo da BBC News si esaminano brevemente alcune previsioni sulla guida autonoma.

L’ex vicepresidente della General Motors Bob Lutz, ad esempio, prevede che entro venti anni le auto a guida autonoma saranno normali, e le auto a guida tradizionale potrebbero essere una piccola minoranza di auto sportive e fuoristrada per usi speciali.

È interessante però la previsione negativa che segue. Interessante per la sua miopia:

Lo storico dei trasporti Christian Wolmar pensa che queste previsioni sulla guida autonoma siano risibili.

Dice che non tengono conto di ogni genere di problemi legali e normativi per cui non esistono risposte semplici, facendo un esempio: “Se stai di fronte a un’auto a guida autonoma questa non può andare avanti, non può ucciderti, per cui deve fermarsi.”

Prevede quindi la possibilità di burloni che creano ingorghi stando fermi di fronte alle auto a guida autonoma, o criminali che le fermano per rapinare gli occupanti.

…the transport writer Christian Wolmar thinks such predictions of the advance of autonomy are laughable.

He says they fail to take into account all sorts of legal and regulatory issues to which there are no easy answers, and he points to one example: “If you stand in front of a driverless car it cannot drive at you, it cannot kill you so it has to stop.”

He foresees pranksters causing gridlock by standing in front of driverless cars, or criminals stopping them to rob the occupants.

Qui l’intero articolo (BBC News)

L’esempio delle “insolubili” problematiche legali e normative sembra scelto particolarmente male.

Già oggi se ti metti in piedi davanti a un’auto a guida tradizionale l’automobilista deve fermarsi, oppure se non vuole o non riesce, affrontare tutti i problemi di un incidente con un pedone ferito, o di un omicidio stradale se il pedone muore.

Già oggi se stai in piedi in mezzo a una strada le auto sono costrette a fermarsi e normalmente lo fanno. Per quanto facile da fare (anche se relativamente rischioso) è una cosa che avviene raramente ma quando avviene in genere si chiama sit-in, manifestazione o blocco stradale. I poliziotti normalmente fermano le auto parandosi loro davanti (salvo schivarle se vedono che non rallentano, ovviamente).

Non si capisce per quale motivo con l’auto a guida autonoma dovrebbe diventare una moda fermare il traffico per scherzo, né per quale motivo dovrebbe scatenare un’ondata di rapine da strada stile assalto alla diligenza nel Far West.

Facciamo l’analogia con i telefonini.

Se nel 1970  fa avessero previsto l’attuale diffusione dei telefonini, con un telefonino portatile per ogni persona compresi ragazzi e bambini, un esperto dell’epoca avrebbe potuto prevedere: “sì, dai un telefonino portatile ad ogni bambino e moriremo tormentati dagli scherzi telefonici”.

Previsione sbagliata. Con il telefonino gli scherzi telefonici non si possono praticamente più fare: è tutto tracciato, se telefoni di notte a qualcuno per svegliarlo, il tuo numero è registrato dai server dell’operatore telefonico e spesso anche visibile e memorizzato sul telefono ricevente. Se tormenti una persona di telefonate, resta traccia nei tabulati dell’operatore telefonico e anzi diventano una prova di stalking, minacce o scherzi che siano.

Allo stesso modo, fra computer, intelligenza artificiale, videocamere, sensori e radar, qualsiasi movimento e avvenimento intorno a un’auto a guida automatica già adesso viene registrato e memorizzato.

In futuro sarà quasi impossibile avere un incidente d’auto senza che tutto sia perfettamente registrato e quindi gli eventuali torti e responsabilità facilmente attribuibili con una perizia tecnica nella stragrandissima maggioranza dei casi, molto di più di oggi.

Allo stesso modo sarà quasi impossibile che l’auto a guida automatica si trovi in una situazione di emergenza senza che qualcuno, qualcosa o qualche server ne sia immediatamente avvisato e informato.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Auto a guida autonoma, Storia dell'automobile e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...