Era un pateracchio pubblicitario, ma ci sono cascati Ansa, Agi, Quattroruote, Linkiesta e altri.

Screenshot 2017-12-15 11.54.14

Accortasi dell’errore, l’Ansa ha rapidamente ritirato l’articolo su segnalazione di Bikeitalia.

Facile.it, sito di confronto di assicurazioni e servizi finanziari vari, ha diramato i risultati di un presunto sondaggio da cui risultava che i ciclisti sono imprudenti e “non rispettano le regole”. Può darsi: gli italiani sono anche gli automobilisti più indisciplinati d’Europa.
Il problema è che – per chi segue con attenzione i problemi del ciclismo urbano e i problemi della mobilità urbana – i risultati del sondaggio erano un po’ sospetti per contenuti, risultati e metodologia. Curioso anche il fatto che l’articolo del sondaggio fosse collegato al link per sottoscrivere polizze assicurative.
Era un pseudosondaggio a scopo pubblicitario
Infatti Bikeitalia ha scoperto che si trattava di un sondaggio fra gli utenti del sito, quindi non rappresentativo né degli italiani nel loro complesso, né dei ciclisti italiani. Inoltre le terminologie utilizzate erano un po’ approssimative dal punto di vista tecnico.
Il problema è che diverse agenzie stampa e la prestigiosa testata automobilistica Quattroruote hanno ripreso la notizia, inizialmente senza alcuna critica né analisi, ma prendendo per buoni i risultati, scrivendo titoli fuorvianti e considerazioni generali spesso tecnicamente sbagliate. Qui l’analisi specifica dell’articolo dell’Agi Agenzia Giornalistica Italiana, gli screen shot di titoli e parte dei testi degli articoli di Ansa e Quattroruote, con i link relativi (nel caso dell’Ansa l’articolo è stato ritirato e il link porta a un messaggio di errore, quello visualizzato in alto. Come si vede, la url riporta il titolo dell’articolo cancellato: “Ciclisti italiani imprudenti…”).
Qui la ricostruzione della vicenda anche di Valigia Blu, blog specializzato nelle tematiche etiche del giornalismo.
False notizie? Anche per superficialità dei giornalisti professionisti
Il caso è esemplare di come talvolta nascono le cosiddette fake news, le bufale e false notizie in rete: non solo dalle trame oscure di servizi segreti stranieri o da siti acchiappaclic ma anche da pastrocchi pubblicitari che vengono ripresi con superficialità da giornalisti italiani, agenzie di stampa e prestigiose testate specializzate che, in fatto di mobilità, prevenzione degli incidenti stradali e codice della strada, dovrebbe essere un po’ più documentata. Sia a proposito della realtà italiana, sia a proposito della realtà europea in generale, dove i ciclisti vengono trattati con molta maggiore considerazione visto il loro positivo contributo alla mobilità urbana, rispetto all’Italia.
AGGIORNAMENTO 12 gennaio 2018 – dopo settimane, anche Linkiesta ci casca con un articolo firmato “Redazione” ed evidentemente pubblicato senza competenze sul tema e senza alcuna verifica: Ciclisti, non sapete andare in bici (e ora ne abbiamo la conferma).
 AGGIORNAMENTO 12 gennaio 2018 (II) – Linkiesta ha rimosso l’articolo: Ciclisti, non sapete andare in bici (e ora ne abbiamo la conferma).
Screenshot 2018-01-12 18.26.49
Qui approfondimenti e link sul tema della sicurezza e dell’incidentalità auto-bici:

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Pubblicità, Stampa e motori e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Era un pateracchio pubblicitario, ma ci sono cascati Ansa, Agi, Quattroruote, Linkiesta e altri.

  1. Pingback: Curva maledetta o automobilisti che non sanno guidare? [Roma Today] | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...