Uccisa dal marito: è femminicidio. Uccisa da un rapinatore: allarme sicurezza. Uccisa da un migrante: è un’invasione. Uccisa da un suv: sì, ma è solo un incidente… È giusto?

9929438-005-kk8c-u4344041738334s4d-593x443corriere-web-roma

Valentina Proietti Nicolai, uccisa in bici da un’automobilista distratta che ha ingranato la retromarcia per sbaglio. Foto Corriere della Sera.

Se una donna viene uccisa dal marito è un femminicidio e parte la solidarietà politica e femminile. Se una donna viene uccisa da un rapinatore scatta l’emergenza sicurezza e la richiesta di leggi speciali. Se viene uccisa da un migrante, scatta sia l’emergenza sicurezza sia la richiesta di leggi speciali.

Se invece viene uccisa in bici o a piedi da un’automobilista distratta che mette la retromarcia e parte con una velocità tale da danneggiare anche diverse automobili, oltre a uccidere la donna in bicicletta ferma al semaforo, allora è normale amministrazione… è solo un incidente.

Il problema è che le donne che muoiono sulle strade, in Italia, sono circa 600 l’anno (qui i dati del 2015: le donne uccise sono state 671), oltre quattro volte di più delle donne morte per femminicidio, e di più del totale degli omicidi commessi in Italia, circa 500 l’anno.

Ma se una donna viene uccisa in bicicletta o sulle strisce bianche non crea allarme sociale.

Mediaticamente e politicamente vengono usati due pesi e due misure:

Le due bimbe piccole lasciate orfane da questo “incidente” per il senso comune, per i giornali e per i politici di pronto intervento sono meno orfane di chi viene ucciso per rapina o per violenza domestica.

È giusto?

San Giovanni, l’addio a Valentina uccisa in bici

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Stampa e motori e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Uccisa dal marito: è femminicidio. Uccisa da un rapinatore: allarme sicurezza. Uccisa da un migrante: è un’invasione. Uccisa da un suv: sì, ma è solo un incidente… È giusto?

  1. Pingback: Uccisa dal marito: è femminicidio. Uccisa da un rapinatore: allarme sicurezza. Uccisa da un migrante: è un’invasione. Uccisa da un suv: sì, ma è solo un incidente… È giusto? — Benzina Zero – Onda Lucana

  2. Giorgio Maffei ha detto:

    bè i migranti delinquenti non dovrebbero proprio star qua, poi se stanno già qua, vagliare come si comportano: io lavoro in una scuola piena di stranieri e si vede subito quali sono quelli problematici, a rischio deliquenziale, o che non hanno voglia di far nulla…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...