Traffico indotto. Perché costruire una nuova strada attira più auto in zona? [grafico]

Screenshot 2018-08-26 17.24.16 Traffic capacity

Effetto della capacità stradale sui volumi di traffico. Il volume di traffico cresce quando le strade sono libere, ma diminuisce quando si sviluppa congestione, finché non raggiunge un equilibrio (indicato dalla curva quando diventa orizzontale). Se viene aggiunta capacità stradale [la strada viene allargata, oppure si costruisce una nuova via parallela], il traffico ricomincia a crescere. […]

C’è molto traffico su una via di scorrimento. Amministratori pubblici e costruttori di strade nei cento anni passati sono spesso stati pronti a suggerire due modi per “snellire il traffico”: 1. Allargare la strada; 2. Fare una nuova strada poco lontano.

Anche se può esserci un beneficio nell’immediato (in genere nei primi tre mesi…), l’effetto a medio e lungo termine è quello di attirare nuove auto grazie all’aumento di capacità. È esattamente come allargare la sala da pranzo di un ristorante: questo consentirà più persone di sedersi al tavolo e meno persone dovranno essere rimandate indietro se non hanno prenotato. O come aprire un secondo negozio a due km di distanza dal primo: il totale dei clienti aumenta perché non succede che i clienti esistenti si dividano equamente fra i due negozi. E lo scopo, appunto, è quello di aumentare i clienti, non di dividerli fra due punti vendita.

Ecco perché il traffico auto aumenta aggiungendo più capacità stradale:

  1. Chi abita lungo la strada viene incoraggiato ad usare l’auto (lungo la strada nuova perché è nuova, lungo quella vecchia perché “il traffico sarà snellito”);
  2. Sapendo che la strada è stata allargata o è stata creata una via alternativa parallela più gente sceglierà di muoversi all’ora di punta invece di scegliere orari alternativi;
  3. Due familiari possono decidere di usare un’auto ciascuno, in orari diversi, per andare nello stesso posto, invece di organizzarsi per andare insieme;
  4. Chi usa mezzi alternativi può essere incoraggiato a preferire l’auto “perché adesso è più veloce”. Eccetera.

Il motivo è che l’uso dell’auto non è una grandezza costante e limitata: siccome le auto stanno ferme il 95% del tempo, in media per ogni auto in movimento ci sono 19 automobili ferme ma pronte per essere usate  se si offre un motivo all’automobilista (per lavoro, per shopping, commissioni familiari o semplicemente per far un giro). In molti casi la principale limitazione all’uso dell’auto infatti è il traffico esistente e la difficoltà di parcheggio. Quando l’uso dell’auto è difficile, molte persone preferiscono mezzi alternativi: mezzi pubblici, bicicletta, andare a piedi. Se l’uso dell’auto viene facilitato, al contrario, spesso i mezzi alternativi vengono scoraggiati proprio dal traffico di auto.

Se si ampliano le strade e se si creano parcheggi, inizialmente si toglie l’ostacolo e quindi si incoraggia ad usare l’automobile. Infatti nelle città di tutto il mondo non è mai successo che creando strade e aprendo nuovi parcheggi il traffico diminuisse (se conosci casi documentati, indicali nei commenti, per favore). 

La promessa, presentando nuove strade, è sempre stata quella di “ridurre il traffico”. Promessa mai mantenuta.
Grafico dal documento Generated Traffic: Implications for Transport Planning di Todd Litman. Il documento, in formato pdf, è scaricabile anche qui: Generated traffic.

Domenica del Corriere 1964 Genova risolve promblema traffico ponte Morandi progetto

Invece, inoltre cinquant’anni da questa copertina, non sembra che sia stato risolto.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Trasporto sostenibile, Urbanistica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Traffico indotto. Perché costruire una nuova strada attira più auto in zona? [grafico]

  1. Lucia Hollstegge ha detto:

    Infatti Hermann Knoflacher quando era assessore alla mobilità a Vienna sostiene che bisogna rendere la vita difficile o impossibile all’automobilista per dissuaderlo. Il traffico ha sempre un punto di partenza ed uno d’arrivo. Se il posteggio al punto d’arrivo è molto caro la macchina viene lasciata a casa.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...