Perché i governi sostengono e incentivano auto ibride ed elettriche in sostituzione delle auto tradizionali a benzina e diesel?

bikenomist confronto auto motore a scopio elettrica guida autonoma

Auto elettrica e auto ibrida inoltre non risolvono i problemi di spazio, congestione e ingombro urbano tipici dell’automobile. 

Molti governi fanno pressione per la transizione dalle auto termiche a quelle ibride o elettriche sia per ambientalismo mal riposto, sia per interessi di lobby.

  1. Ambientalismo mal riposto: la teoria è che usando un’auto ibrida o elettrica al posto di una termica si inquina meno. A parità di km percorsi è vero, ma non si tiene conto del fatto che anche ‘buttare via’ un’automobile che ha ancora vita utile comporta un passivo energetico ed ecologico: costruire un’auto nuova dal punto di vista energetico pesa di più che usare fino a fine vita un’auto vecchia. La realtà inoltre è che l’auto rottamata raramente viene distrutta veramente ma, se ha ancora vita utile, viene rimessa in commercio o esportata in paesi meno sviluppati: quindi con le rottamazioni si mettono in circolazione due auto al posto di una: quella rottamata e quella nuova. Inoltre l’auto nuova viene spesso usata molto di più di quella vecchia, almeno nei primi due o tre anni di vita, per l’effetto giocattolo nuovo + l’effetto ‘tanto non inquina’ combinati. Ecologicamente, l’unica rottamazione positiva è quando si elimina un’automobile per passare a usare trasporto pubblico, car sharing, auto a noleggio, taxi, bicicletta e andare a piedi in intermodalità.
  2. Interessi dell’industria dell’auto. Tanto in Europa quanto negli Stati Uniti il mercato dell’auto è saturo: più di così è difficile venderne (in alcuni paesi il possesso dell’auto sta addirittura diminuendo, a causa dei costi e delle complicazioni del suo possesso). Sostituire le auto termiche con auto presunte ecologiche è un modo per sostenere il mercato dell’automobile. È lo stesso meccanismo che si è e verificato con le classificazioni ‘Euro 0, 1, 2 ecc’. Inizialmente avversate dall’industria dell’auto, sono poi state accolte favorevolmente perché stimolano l’acquisto di auto nuove in un programma di ‘obsolescenza ecologica pianificata’.

Auto elettrica: quello che non viene detto chiaramente [aggiornamento]

Auto elettrica: risolve alcuni problemi ma non tutti [Aggiornamento]

Auto elettrica: è sbagliato il concetto (soprattutto in città)

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Trasporto sostenibile e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...