Quiz. Perché i ciclisti vanno sui marciapiedi? [Risposta breve: Perché le strade della tua città fanno schifo]

Pericolosissima bici sul marciapiede. Immagine dall’Eco di Bergamo.

Il motivo per cui spesso i ciclisti vanno sui marciapiedi non è perché sono dei criminali incalliti. È perché la strada accanto è vietata oppure pericolosa perché gli automobilisti guidano in modo veloce e aggressivo.

Contrariamente a quel che pensano molte persone inesperte di mobilità, le piste ciclabili vengono usate e molto. Quando ci sono e sono ben fatte, chi va in bicicletta le usa con frequenza.

Se spesso appaiono vuote (come molte strade urbane, peraltro: le strade dei quartieri residenziali sono spesso vuote di auto in transito, anche se piene di auto parcheggiate) è perché le bici, a differenza delle auto, non passano ore in coda e non sono ingombranti quando parcheggiate: 500 bici occupano meno di un decimo dello spazio di 500 auto parcheggiate perché queste, oltre allo stallo per stazionare hanno bisogno anche di ampio spazio per fare manovra.

I ciclisti sui marciapiedi sono spesso bambini, mamme col bambino sul seggiolino, persone anziane e, ogni tanto, anche giovanotti aitanti e fattorini che consegnano le pizze correndo più del dovuto.

Ma non avrebbero motivo per andare sul marciapiede, spesso stretto e ingombro di auto e scooter parcheggiati irregolarmente, nonché magari anche i bidoni della raccolta differenziata, i cassonetti della spazzatura, alberi, segnali stradali, armadi di gas, elettricità e telefoni, e altri elementi di arredo urbano se la strada accanto fosse ospitale per chi va in bicicletta.

Pedalare sul marciapiede è molto più scomodo che andare in strada… ma la strada è spesso percorsa da auto che vanno troppo veloci, oppure è un senso vietato realizzato per la comodità dei veicoli a motore (magari per ricavare una o due file di posteggi) e per la scomodità di tutti gli altri utenti della strada.

Da una ricerca danese risulta che i ciclisti commettono meno infrazioni degli automobilisti. Non solo: ne commettono di più quando la città è poco attrezzata con piste ciclabili, zone a treffico limitato, aree pedonali, zone 30 e zone 20 per proteggere ciclisti e pedoni. Ovvero: quando la città è ospitale per le biciclette (e quindi anche per i pedoni) con molte piste ciclabili, ztl e aree pedonali, non c’è motivo per compiere infrazioni e presunte infrazioni.

In sintesi: se vedi spesso ciclisti sui marciapiedi della tua città non è perché i ciclisti sono dei criminali. È perché le strade della tua città fanno schifo e sono progettate male, e sono troppo pericolose per andare in bicicletta.

Quando le strade sono libere e tranquille, è molto più comodo pedalare in strada che sul marciapiede. Se i ciclisti pedalano sul marciapiede è perché le strade non sono tranquille. È perché le infrastrutture ciclabili della tua città fanno schifo.

Oltretutto, a contrario di quel che afferma chi si lamenta sistematicamente dei ciclist, NON è vero che pedalare sul marciapiede sia particolarmente pericoloso per i pedoni. Lo dimostra il fatto che esistono le piste ciclopedonali (spesso marciapiedi trasformati appunto in piste ciclopedonali) e il fatto che nelle aree pedonali le bici normalmente possono circolare liberamente.

Se nella tua città molti ciclisti pedalano sul marciapiede è segno che le strade sono progettate male e gli automobilisti guidano in modo pericoloso, imprudente o aggressivo.

Qui un approfondimento sulla normativa e sulle incongruenze del Codice della Strada sul rapporto fra ciclisti e pedoni: Quiz. È vero che i ciclisti non possono pedalare sui marciapiedi?

Nota per i polemici e per gli astratti formalisti del ‘tutti devono rispettare il codice della strada’: qui NON si sta dicendo che fanno bene a pedalare sui marciapiedi. Si spiega perché pedalano sui marciapiedi e si cerca di esaminare in modo oggettivo il problema della presunta pericolosità dei ciclisti per i pedoni.

“Per un ciclista sui marciapiedi, 9 pedoni sulle ciclabili” [Torino, Rapporto Rota]

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Codice della strada, Quiz. Verifica la tua conoscenza del codice della strada e dei problemi della mobilità urbana. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Quiz. Perché i ciclisti vanno sui marciapiedi? [Risposta breve: Perché le strade della tua città fanno schifo]

  1. Paolo Moscogiuri ha detto:

    Tutto vero quello riportato nell’articolo, ma resta il fatto che le bici che corrobo sui marciapiedi, non solo sono pericolose, ma discriminatorie. A Berlino le bici sfrecciano sui marciapiedi che salgono e scendono rapidamente, conseguenza è che sei stai a passeggio con un bambino, lo devi tenere per mano e un anziano un po’ distratto se npn rischia l’investimento viene ricoperto di insulti. Insomma è una situazione di promiscuità negativa soprattutto per i pedoni più fragili.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...