L’automobile ti pignora fino a un terzo dello stipendio

Bellissima, ingombrante e molto costosa da mantenere. Quelli che ti fanno un profondo inchino, ringraziando sentitamente, sono il concessionario, il benzinaio e l’assicuratore.

Una delle cause nascoste della trentennale crisi economica italiana è l’eccessivo uso dell’automobile nei trasporti urbani. L’Italia è uno dei paesi con la più alta percentuale di automobili in rapporto agli abitanti, a cui si aggiunge la seconda posizione europea come diffusione di scooter e motocicli. Si parla di circa 60 auto ogni cento abitanti a cui si aggiungono circa 30 motocicli, sempre ogni cento abitanti. A completare il conto mancano i numerosi veicoli da lavoro: furgoni, camion e persino suv che, essendo immatricolati come veicoli industriali, non entrano nel conto precedente ma affollano le strade e prosciugano le tasche per mantenerli. In pratica ogni italiano in media ha almeno un veicolo a motore, piccolo o grande che sia.

Questo comporta che lavoratori e famiglie spendono troppo per mantenere due o tre automobili per nucleo familiare, sicuramente più della media europea sopratutto in termini di potere d’acquisto, più magari uno scooter o un altro motociclo, ‘indispensabili’ per muoversi e per andare al lavoro in parte per motivi culturali indotti (l’auto e la motocicletta come status symbol) in parte per la diffusa inefficienza dei mezzi pubblici e la trascuratezza con cui la maggioranza dei comuni italiani trattano chi vorrebbe muoversi in città a piedi o in bicicletta.

Il risultato è che l’automobile pignora fino a un terzo delle entrate delle famiglie, rappresentando la principale voce di spesa dopo l’abitazione. È una situazione unica in Europa, dove la diffusione e l’uso dell’automobile sono generalmente minori.

È anche una delle cause non diagnosticate della persistente crisi economica e di produttività dell’economia italiana. Anzi: diagnosticate al contrario. Spesso giornalisti e commentatori si rallegrano se il mercato dell’auto cresce, non rendendosi conto che la situazione italiana è patologica: questo eccessivo affidamento all’automobile, e del trasporto su gomma in generale, come principale veicolo per i trasporti comporta inefficienza, spese, infrastrutture sempre carenti (le buche sulle strade e i ponti che crollano sono un insidioso serpente che si morde la cosa: più si usano le strade più si rovinano, più si rovinano più bisogna ripararle, eccetera).

In pratica succede questo: spendendo troppo per l’automobile, le famiglie hanno meno reddito disponibile per altre spese: viaggi, ristoranti, spettacoli, cultura, divertimenti.

Ecco spiegata, almeno in parte, la ragione della perdurante crisi dei consumi interni in Italia.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano. Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’automobile ti pignora fino a un terzo dello stipendio

  1. massimo ha detto:

    aggiungiamo che 30 anni di incentivi per l’acquisto dell’auto hanno drenato risorse impoverendo tutti gli altri settori economici.
    come se non bastasse l’unico produttore italiano è ormai di fatto straniero in quanto gli utili vanno fuori dall’italia (e anche i posti di lavoro)

    Piace a 1 persona

  2. blogvivinstrada ha detto:

    Ecco un ulteriore danno, economico e sociale, che si aggiunge ai costi motoristici che già drenano pesantemente le risorse familiari.
    https://blogvivinstrada.wordpress.com/2017/01/23/la-famiglia-italia-e-i-baroni-macchinoni/

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...