Andare piano non è mai stata un’opzione per la pubblicità automobilistica…

Annuncio Goodyear del 1934 uscito sul Saturday Evening Post.

Come si vede, andare piano per evitare gli incidenti non è mai stata un’opzione per l’industria automobilistica e della sua componentistica. Meglio contare sul progresso tecnologico che ha reso le auto ‘sicure’ con pneumatici migliori (ma quelli del 1934 erano scadenti rispetto a quelli di oggi, nonostante l’ottimismo di Goodyear), cinture, airbag (che rischia di spaccarti il naso e danneggiare l’udito quando entra in azione), abs (che soccorre chi va troppo veloce ma non sa frenare) e altre soluzioni tecniche per salvare l’automobilista.

E per la sicurezza di pedoni e ciclisti? Quelli continuano a morire in percentuali sempre più alte. Pazienza. Non si può andare piano per salvare le loro vite.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Pubblicità, Storia dell'automobile e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...