‘Vogliamo l’auto di cittadinanza. E il parcheggio di cittadinanza’

Vignetta di Rubén Hernández Herrera CC BY-SA 4.0,

Poiché in Italia l’automobile – a detta degli automobilisti – è indispensabile per lavorare, per portare i bambini a scuola, per andare in vacanza, per portare la mamma malata in ospedale, al punto che le inserzioni di lavoro chiedono che il candidato sia ‘automunito’, è evidente che l’auto in Italia è un diritto. La mobilità garantita dalla Costituzione è la mobilità automobilistica, secondo molti.

E quindi se la mobilità automobilistica è un diritto lo stato deve garantirlo a tutti, provvedendo per quella fascia di popolazione che non guida perché non ha la patente, oppure perché non ha le risorse economiche per prendere la patente, oppure perché non ha le risorse economiche per acquistare e mantenere l’automobile.

È quindi indispensabile prevedere l’auto di cittadinanza, per tutti i cittadini che non possono permettersela: una dignitosa utilitaria, con box o con posto auto di cittadinanza, per chi è troppo povero per andare dal concessionario e comprarla a rate.

O forse l’idea dell’auto come diritto è una stupidaggine?

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Trasporto sostenibile. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...