Quiz. Quali modifiche si potrebbero fare al Codice della strada per incentivare l’uso della bicicletta in città?

La soluzione migliore per incentivare l’uso della bicicletta è infrastrutturale: fare piste ciclabili e allestire buoni parcheggi per le bici, in modo capillare in tutti i centri urbani, con una rete di piste ben collegate fra loro. È quello che hanno fatto in Olanda e Danimarca, nelle cui capitali la bicicletta viene usata quotidianamente da circa il 60% dei cittadini (qui i dati di Amsterdam, qui quelli di Copenhagen).

Siccome però per fare piste ciclabili occorrono soldi (ma relativamente pochi: costano molto meno delle strade) e occorre superare il grosso ostacolo psicologico che tolgono posti auto (peraltro più costosi e inutili di quel che si pensi, anche se gli automobilisti non sono d’accordo), nel frattempo si potrebbero fare queste riforme del codice della strada efficaci e di basso costo:

  • Semplificare e facilitare la normativa per creare zone 20 e zone 30
  • Abbassare a 30 km/h la velocità massima in tutti i centri urbani, salvo le strade dove diversamente specificato (vie di scorrimento)
  • Rendere zona 20 tutte le strade su cui si affacciano edifici scolastici
  • Imporre la distanza laterale minima di 1,5 metri, e quindi il cambio di corsia, per il sorpasso di biciclette
  • Chiarire esplicitamente che non esiste un diritto al sorpasso da parte dei veicoli più veloci, particolarmente nelle strade strette
  • Presumere la responsabilità del veicolo a motore, in quanto fonte principale del pericolo in strada, in tutti gli investimenti in cui sono coinvolti pedoni o ciclisti, allo scopo di scoraggiare comportamenti troppo aggressivi da parte dei veicoli a motore.
  • Autorizzare esplicitamente e in modo più chiaro la marcia delle biciclette in fila per due
  • Abolire l’assurda norma che obbliga i ‘veicoli senza motore’ a stare più a destra della destra.

Hai suggerimenti diversi oppure osservazioni da fare? Scrivile nei commenti.

I parcheggi in città sono spazio sprecato [The Economist]

Gruppi di ciclisti: l’art. 182 comma 1 è contraddittorio, pericoloso, scritto male

Incidenti stradali: colpa di guida distratta , indisciplina degli automobilisti e velocità (ACI)

Dalla mia risposta su Quora: Cosa si potrebbe modificare nel codice della strada e/o nell’organizzazione delle città per favorire l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano?

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Codice della strada e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...