Il garantismo peloso dei cronisti locali in fatto di incidenti

Osservare l’auto conficcata nella vetrina, rovesciata e completamente distrutta. Ma non si può formulare l’ipotesi che andasse troppo veloce: non garantisce i diritti dell’automobilista morto. Immagine dal Giornale di Monza.

Un’auto ‘perde il controllo’ e finisce in un locale pubblico sfondando la vetrina.

L’incidente attribuito al fatto che, prima di ‘perdere il controllo’ l’auto, una Smart, aveva ‘toccato‘ un’altra automobile, di cui però leggendo l’articolo non si sa niente.

Quindi, ricostruendo in base all’articolo, la Smart (peso 800 kg circa) ha ‘toccato’ un’altra auto e quindi, piroettando leggera come una ballerina, è ‘finita’ nella vetrina di un fast food, sfondandola e ferendo leggermente un paio di avventori. Secondo l’autore dell’articolo la vetrina stranamente ‘non ha retto’.

L’automobilista autore del prodigio acrobatico è morto.

Nessun cenno sulla velocità dei mezzi, nessuna ipotesi: le cause per cui la Smart ha ‘toccato’ l’altra auto ‘sono in fase di accertamento’. Vietato anche solo ipotizzare un eccesso di velocità.

Un’auto sfonda la vetrina di un fast food, l’automobilista muore, poteva essere una strage fra pedoni di passaggio e clienti nel fast food.

Ma meglio non allarmare gli automobilisti sottolineando il pericolo della velocità guidando in città: l’industria dell’auto è fra i più grossi investitori pubblicitari.

Nel caso di incidenti stradali che coinvolgono automobili, minimizzare è spesso l’imperativo dei cronisti. Particolarmente, minimizzare l’eventuale responsabilità del guidatore.

Qui l’intero articolo: Automobilista finisce nel fast food: un morto.

Qui alcuni studi su come i giornali trattano abitualmente gli incidenti stradali:

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Stampa e motori e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...