Automobilisti, tassisti: per prevenire il coronavirus meglio finestrini aperti e buon ricambio d’aria. L’abitacolo dell’auto è un ricettacolo di smog, virus e batteri

In una camera bianca ci sono dispositivi di filtrazione molto efficaci che eliminano il 99,9% di contaminanti provenienti dall’esterno. Ma, nel caso dell’auto, se la carica virale o batterica viene da un passeggero, questa resta a lungo nell’aria interna, senza contare che i dispositivi di filtro degli abitacoli delle auto sono molto meno efficaci di quelli delle camere bianche.

Anche con i filtri antipolvere installati, l’abitacolo delle automobili è un ambiente molto sporco e contaminato: al chiuso gli inquinanti si accumulano, sedili e moquette sono ricettacoli di polvere e idem i numerosissimi anfratti di cruscotto, pulsantiere, comandi, maniglie, poggiatesta, decorazioni e accessori. Una buona pulizia periodica è sicuramente utile, ma la complessità dell’abitacolo rende comunque difficilissima una pulizia realmente profonda, a meno di non usare quotidianamente e con insistenza una lancia a vapore. Inoltre, se si usano disinfettanti e detersivi, i residui dei prodotti di pulizia frequentemente sono essi stessi inquinanti e irritanti per le vie aeree.

Se uno viaggia sempre da solo con i classici quattro posti liberi non è un problema, ma soprattutto se si portano passeggeri, è certamente utile viaggiare con i finestrini aperti, del tutto o in parte a seconda delle condizioni del tempo, rinunciando al condizionamento quando fa caldo.

Questo probabilmente è fondamentale per i tassisti, ma anche per chi fa carpooling e per chiunque, anche occasionalmente, offra un passaggio in auto a parenti e amici. Meglio andare piano con i finestrini aperti, piuttosto che con l’auto blindata e sigillata. Nel secondo caso se c’è una carica virale nell’aria dell’abitacolo proveniente da passeggero, autista o da un passeggero precedente si aumentano le probabilità di respirarla.

Qui un po’ di documentazione da fonti diverse sulle condizioni dell’aria all’interno degli abitacoli delle automobili e dei mezzi di trasporto in genere:

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Inquinamento e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...