Quanto erano pericolose le auto d’epoca? È corretto chiamarle ‘bare a quattro ruote’?

Quanto erano pericolose le gloriose auto d’epoca? Parecchio, se si confronta l’andamento degli incidenti (e soprattutto dei morti e feriti) con il numero di auto circolanti.

Nel 1937 in Italia ci sono stati circa 30.000 incidenti stradali con 40.000 feriti e 3.000 morti. Le auto in circolazione in Italia erano 270.000, meno di un centesimo di quelle in circolazione oggi, circa 36 milioni.

In proporzione un incidente ogni 9 automobili, un ferito ogni 7 automobili e un morto ogni 90 automobili.

Se le auto di oggi avessero lo stesso livello di pericolosità di quelle del 1937, con 36 milioni di automobili in circolazione in Italia in questi anni ci sarebbero circa 400.000 morti ogni 12 mesi.

Erano decisamente pericolose, soprattutto considerando le velocità più limitate.

Erano chiaramente un prodotto pieno di difetti, che ebbe successo grazie alla potenza economica dei fabbricanti, agli interessi politici di chi costruiva strade, e il fatto di essere il giocattolo dei ricchi.

Qui sotto il documento Aci-Istat con la storia degli incidenti stradali in Italia:

Una bara a quattro ruote

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Storia dell'automobile e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...