Il giro vizioso che fa diventare ‘indispensabile’ l’automobile

L’automobile privata è particolarmente efficiente quando ci sono poche auto e tante strade.

È la situazione di molte aree extraurbane poco popolate, e dei primordi dell’automobilismo in molti paesi. Era così negli Stati Uniti negli anni 20 e in Europa fino al 1950. È così oggi nel presente o nel recente passato in molti paesi di in via di sviluppo, quando solo ricchi e benestanti possono permettersi l’automobile. Quando solo i benestanti possono permettersi l’auto, è una meraviglia: poco traffico dappertutto, eccetto il centro delle città, dove la capacità di creare congestione da parte delle auto si manifestò subito.

Chi usa l’auto in ambito extraurbano viene sovvenzionato e incentivato così: l’auto è più efficiente quando ci sono poche auto e tante strade (ovvero poche entrate per tasse e accise, e tante spese per la pubblica amministrazione per costruire e mantenere le strade, che spesso vengono costruite a fini di sviluppo immobiliare).

Al crescere del numero di auto per km stradale peggiora l’efficienza e aumentano gli ingorghi, le code e i problemi di parcheggio, ma il circolo vizioso è attivato, gli altri mezzi di trasporto sono rallentati (gli autobus e i tram senza corsie preferenziali vengono bloccati nel traffico, dove comunque sono perdenti rispetto alle auto private perché devono rispettare le fermate) o spinti ai margini (le biciclette, usate sempre meno per paura del traffico, e per percorsi sempre più brevi e marginali), con ampia tolleranza per una sola alternativa all’auto, i motocicli.

Quindi a circolo vizioso attivato, con tante auto per km di strada, l’auto diventa ‘indispensabile’ e gli automobilisti avanzano sempre più pretese (‘Più strade! Più parcheggi!’) anche in virtù delle tasse che pagano per usare un mezzo di trasporto dalle grandi promesse di libertà ed efficienza ma che diventa sempre meno efficiente all’aumentare della sua diffusione, in un effetto rete al contrario.

Infatti quando crei una rete telefonica, ogni telefono in più aggiunge valore, perché è una persona in più raggiungibile da una telefonata. Quando crei una rete stradale ogni auto in più toglie valore, perché ogni singola auto è una nuova richiesta di spazio stradale per parcheggiare (almeno tre posti auto per ogni automobile), e di spazio stradale per circolare.

Qui altri approfondimenti su auto e traffico (link alle fonti all’interno degli articoli):

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Automobile, Storia dell'automobile, Urbanistica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il giro vizioso che fa diventare ‘indispensabile’ l’automobile

  1. Pingback: Non torneremo alla normalità… – – CityBustoBike –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...