Limite a 50 km/h, le auto vanno a 80-90. E poi dicono che le persone in bicicletta sono pericolose… [video, Bringyourbike]

È vero che le persone in bicicletta hanno comportamenti che creano pericolo sulle strade?

Qui vediamo una situazione molto comune in molti viali urbani: viale dell’Archiginnasio a Tor Vergata, quartiere di Roma. Un vialone a 4 corsie, di tipo ‘autostrada in città’, con limite a 50 km/ e in alcuni tratti a 30 km/h in corrispondenza delle rotatorie, percepito dagli automobilisti come una via a scorrimento veloce.

Su questo viale oltre alle auto circolano anche molti ciclisti sportivi. Però spesso da parte degli automobilisti mancano il rispetto e l’educazione necessari per muoversi su una strada urbana frequentata da ciclisti. Come documentato dal video, nonostante la presenza di persone in bicicletta, molti automobilisti transitano a velocità pericolose e ben superiori al limite di 50 km/h: il laser al passaggio delle auto ha spesso rilevato velocità superiori agli 80 km/h.

Per molti automobilisti il limite di 50 km/h spesso significa che ‘se si va a 70 non è grave’.

In realtà è gravissimo. Un limite di 50 km/h significa che si dovrebbe andare a 30, 40, 45, qualche volta a 50 a seconda delle condizioni della strada, della visibilità e della presenza di altri veicoli. Particolarmente, su qualsiasi strada, in presenza di pedoni e ciclisti è sempre obbligatorio rallentare.

Come evidenzia il video, la fonte principale di pericolo sono sempre i veicoli a motore, e maggiore è la loro velocità, maggiore è il pericolo.

La soluzione: diminuire le velocità delle automobili in ambito urbano. Poiché chi guida può sempre commettere un errore e gli automobilisti guidano spesso distratti, gli appelli al rispetto del codice non bastano: occorre diminuire le velocità delle automobili, in modo da diminuire il loro pericolo intrinseco.

Qui il canale Youtube di Bringyourbike con numerosi altri video sul tema della mobilità sostenibile, della vita in bicicletta, del cicloturismo, del ciclismo urbano.

Qui altri articoli e approfondimenti sul tema del ciclismo sportivo e del ciclismo urbano (link alle fonti all’interno degli articoli).

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo sportivo, Ciclismo urbano, Sicurezza stradale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Limite a 50 km/h, le auto vanno a 80-90. E poi dicono che le persone in bicicletta sono pericolose… [video, Bringyourbike]

  1. Giancarlo Brunelli ha detto:

    Ci vorrebbero dei limitatori automatici sulle auto ma se la velocità è controllata dall’homo stupidus stupidus…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...