Automobilisti che non sanno fare i conti: lo stupore di fronte ai costi chilometrici delle auto elettriche

Molti automobilisti non sono consapevoli dei costi che affrontano per acquistare, mantenere e usare un’automobile.

Chi usa l’auto tradizionale spesso calcola solo benzina e autostrada come costi principali, chi ha l’auto elettrica spesso calcola solo i costi di ricarica.

Ma è un errore grave che porta a sottostimare enormemente il vero peso dell’auto sul bilancio familiare o personale.

Per stimare i costi chilometrici di un’automobile occorre tenere conto di numerosi costi che vanno al di là di benzina o elettricità e autostrada, che possono pesare in misura diversa a seconda di modello, motorizzazione, allestimento:

  1. Ammortamento del veicolo
  2. Assicurazione obbligatoria
  3. Tassa di possesso
  4. Tagliandi e manutenzione
  5. Cambio gomme stagionale
  6. Carburanti e lubrificanti, oppure ricarica elettrica
  7. Revisione
  8. Pedaggi e parcheggi
  9. Multe, incidenti, guasti e imprevisti

Alcuni di questi costi sono facili da stimare, altri sono variabili e imprevedibili, per cui il costo chilometrico medio per un dato modello alla fine è una stima indicativa che può non comprendere, per esempio, multe e imprevisti, e comprendere solo in parte altri costi variabili.

Come dimostrano alcuni dei commenti raccolti su Facebook relativamente a questo articolo, ci sono automobilisti che sono totalmente ignari dei costi reali dei veicoli che guidano, e altri che non distinguono la differenza fra una stima media e il costo reale di un veicolo particolare (in cui il proprietario tiene conto di tutti i costi che realmente affronta, compresi gli imprevisti).

Ci sono anche automobilisti che non percepisono che anche l’ammortamento del veicolo contribuisce a costituire il costo chilometrico: se la mia auto costa 50.000 euro e calcolo un ammortamento in 5 anni di 10.000 euro l’anno, per percorrenze di 10.000 km avrò un euro a km solo di ammortamento. Idem nel caso paghi il veicolo a rate: le rate che pago nell’anno vanno nei costi chilometrici dell’anno.

Ovviamente una volta esaurito l’ammortamento o finite le rate, se tengo ancora il veicolo il mio costo chilometrico diminuirà notevolmente. Quindi, nella vita reale, posso calcolare un costo chilometrico nei primi cinque anni di vita (o per la durata delle rate), e un altro costo negli anni successivi, oppure aspettare la rottamazione del veicolo e calcolare i costi reali medi per tutta la vita del veicolo. Oppure fare una stima: ‘la tengo altri 5 anni, quindi mi costerà circa…’

In tutti i casi, ci sono molti automobilisti che non sanno fare i conti, e non si rendono conto di quanto spendono per mantenere la loro auto, elettrica o termica che sia.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Automobilisti che non sanno fare i conti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Automobilisti che non sanno fare i conti: lo stupore di fronte ai costi chilometrici delle auto elettriche

  1. Giancarlo Brunelli ha detto:

    Un misto di ignoranza e incompetenza dell’homo stupidus stupidus

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...