L’impatto ambientale dei parcheggi

In rapporto allo spazio utilizzato e alle persone servite, è evidente il diverso impatto ambientale di un parcheggio automobilistico (80 posti auto) rispetto a uno per biciclette (oltre 1.000 veicoli in uno spazio analogo). Qui sopra il parcheggio della stazione di Endhoven.

I parcheggi occupano ampi spazi di territorio urbano e anche extraurbano. Ogni posto auto richiede in media 25 mq di spazio, e per parcheggiare 400 automobili serve un ettaro di spazio.

Non solo: ogni auto per circolare ha bisogno di più posti auto. Per esempio chi va al lavoro in auto ha bisogno di un posto auto sottocasa, e di un posto auto vicino al lavoro. Non sempre questi posti auto sono ottimizzabili: non è detto che il posto auto sottocasa venga occupato da qualcuno durante l’assenza del lavoratore (e resta sicuramente vuoto se è un box o un posto auto privato) e lo stesso discorso vale per il posto auto vicino all’ufficio, fabbrica, negozio o laboratorio.

Questo significa che ampi spazi urbani vengono asfaltati, togliendo aree verdi o altri utilizzi, con questi svantaggi ecologici:

  • Impermeabilizzazione del terreno
  • Accelerazione dello scorrimento delle acque durante le piogge, con impoverimento della falda acquifera sottostante e aumento del rischio di alluvioni a valle
  • Inquinamento delle acque dilavando macchie d’olio da perdite dei motori e le microplastiche e micropolveri prodotte dall’usura di pneumatici e asfalto
  • Riscaldamento del micro-clima locale dovuto al riscaldamento dell’asfalto per irraggiamento solare d’estate, contribuendo alla creazione delle isole di calore urbane
  • Inquinamento da asfalto. La copertura d’asfalto produce inquinamento in tre modi: durante la posa in opera, per rilascio di idrocarburi volatili durante la sua vita, per produzione di micropolveri e microplastiche per usura causata dal rotolamento dei penumatici
  • Incentivazione dell’uso dell’automobile (più parcheggi ci sono, più è conveniente usare l’auto rispetto ad altri mezzi di trasporto).

Qui altri articoli e approfondimenti sul tema dei parcheggi e i loro paradossi (link alle fonti all’interno degli articoli).

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Parcheggi, Urbanistica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...