Come i giornalisti descrivono gli incidenti stradali: la pioggia, la visibilità, l’asfalto uccidono le persone… [Parma Press]

Immagine da ParmaPress

I giornalisti di cronaca locale sono sempre molto garantisti con gli automobilisti e altrettanto pronti a fare ipotesi che li giustificano o li scagionano da colpe e responsabilità attive.

In questo caso non sono la velocità eccessiva, la distrazione o la guida imprudente le possibili cause dell’incidente e dell’uccisione del povero pedone, bensì ‘la pioggia, la scarsa visibilità e l’asfalto scivoloso’.

L’automobilista, naturalmente, in caso di ‘pioggia, scarsa visibilità e asfalto scivoloso’ secondo molti cronisti non mai è tenuto a moderare la velocità in modo da mantenere sempre il controllo del mezzo (come prescritto dal codice della strada) ma è sempre un agente passivo, vittima della volontà dell’auto che infatti, come titola ParmaPress ‘investe e uccide’ la povera 63enne.

La logica sottintesa è questa: sulla via c’è il limite a 50? Allora posso andare a 50 (e magari qualcosa in più) anche se piove, c’è scarsa visibilità e l’asfalto è bagnato, e se ammazzo qualcuno, ‘è un tragico incidente’.

Qui l’intero articolo: Viale Duca Alessandro: 63enne investita e uccisa da un’auto [ParmaPress]

Fra l’altro, sarebbe interessante vedere da vicino e sapere com’è fatto ‘l’asfato scivoloso’ e per quale motivo le strade italiane ne hanno così tanto.

Qui tre studi e ricerche sulle distorsioni, volute e non volute, della stampa sugli incidenti stradali:

Qui le nuove linee guida della stampa inglese sulla cronaca degli scontri stradali.

Qui alcuni esempi eclatanti di distorsioni automobilistiche da parte della cronaca giornalistica:

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Come i giornalisti descrivono gli incidenti stradali e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...