Vuoi più salute e più soldi? Vendi l’auto e guida di meno [Forbes, Mr Money Moustache] [AGGIORNAMENTO]

L’auto è un pozzo senza fondo di costi e imprevisti: rate, assicurazione, carburanti, manutenzione, revisione, multe, guasti e incidenti. Vivere senza auto o venderne almeno una se ne possiedi due o tre in famiglia ti fa risparmiare un sacco di tempo e di soldi.

Rispetto ad accettare un lavoro a 30 km da casa e poi trascorrere (almeno) due ore al giorno in auto per andare in ufficio, è molto meglio fare a meno dell’auto e cercare un lavoro più vicino a casa, anche meno pagato, facilmente raggiungibile con mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta.

Il consulente finanziario in pensione dall’età di 30 anni Pete Adeney (non in pensione da trent’anni, ma in pensione da quando ha compiuto trent’anni, grazie ai suoi risparmi e investimenti) ha basato parte della sua fortuna finanziaria sul fatto di non avere l’auto:

Cita la classica coppia che va al lavoro con due automobili e che spende 19 dollari al giorno in costi legati all’automobile.

‘Dopo 10 anni questi rappresentano $125.000 dollari ciascuno in ricchezza perduta,’ stima Adeney.

He cites a typical couple who commute to work in separate cars and who spend $19 per day in direct driving and car ownership costs.

“After 10 years this would cost them about $125,000 each in wealth,” estimates Adeney.

[Dall’articolo Money Guru’s #1 Tip For Health, Wealth & Happiness: Drive Less di Carlton Reid su Forbes]

Adeney ha un sito, Mr Money Moustache, dove dispensa consigli utili ai suoi seguaci. Fra questi: non indebitatevi per comprare l’auto, e non comprate stupide auto. Se devi comprare un’auto, comprala usata e che consumi poco.

L’auto è un pozzo senza fondo di spese. È per questo che governi e industria dell’auto insistono così tanto per vendertene una, o più di una se possibile.

[AGGIORNAMENTO 14 gennaio 2020 – Qui un’interessante testimonianza:

‘Altro aspetto estremamente positivo di Berlino è che mi ha permesso di vivere senza possedere un’auto. Qui posso passare il tempo nei mezzi, sempre molto frequenti, a leggere o ascoltare Podcast. Ma, se serve, posso passare da un Car sharing a una bici, o scooter, senza dovermi preoccupare di assicurazione, manutenzione o perfino di fare carburante.’

Da «Io, italiano, e papà, a Berlino ho co-realizzato una sonda ora su Marte»]

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Testimonianze, Trasporto sostenibile. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...