“Non l’ho visto” dovrebbe essere un’aggravante

lapr1035-003-kpgd-u190903631920bsh-620x349gazzetta-web_articolo

Michele Scarponi. Foto dalla Gazzetta dello Sport.

Il ciclista professionista Michele Scarponi è morto investito da un furgone. L’autista del furgone avrebbe dichiarato ai carabinieri di non averlo visto.

“Non l’ho visto”, nel caso di investimento di ciclisti e pedoni dovrebbe essere un’aggravante, invece del modo istintivo di scusarsi per la disgrazia “involontaria”. Se guidi un’auto o un furgone e investi un ciclista o un pedone che “non hai visto” nella maggior parte dei casi è per due motivi:

  1. Guidavi distratto
  2. Guidavi troppo veloce per le condizioni della strada.

Certo, è sempre possibile, come affermano spesso molti automobilisti, che il ciclista o il pedone “si buttino in mezzo alla strada”: probabilmente, in un caso su un milione, è così. Ma ciclisti e pedoni normalmente non sono aspiranti suicidi, non più di quanto gli automobilisti siano consapevolmente aspiranti omicidi. 

Va aggiunto che oltre metà dei ciclisti uccisi in Italia hanno più di 65 anni: difficile sostenere che siano tutti ciclisti spericolati che corrono rischi inutili. Più probabile che vengano investiti perché l’autista di turno “non li aveva visti”.

Ciclisti e pedoni, anche quando attraversano un incrocio o una strada rischiosa, generalmente ci tengono alla propria incolumità, probabilmente molto di più di quanto un automobilista ci tenga alla carrozzeria dell’auto. Se avviene l’incidente è perché pedone e ciclista hanno calcolato male la velocità dei veicoli in arrivo… e perché i veicoli in arrivo andavano troppo veloci. 

Se non erano troppo veloci, facevano in tempo a frenare. A meno che, naturalmente non valesse l’altra ipotesi: erano distratti. Cioè, di nuovo, troppo veloci.

Gazzetta dello Sport.

La Repubblica.

Corriere Adriatico.

Bikeitalia.

Manuel Massimo su Repubblica.

Il profilo di Michele Scarponi su Wikipedia.

 

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Codice della strada, Educazione stradale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Non l’ho visto” dovrebbe essere un’aggravante

  1. Luca ha detto:

    Applausi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...