Quiz. Il casco è utile per chi va in bici? Dipende.

La risposta è: dipende: non ci sono studi conclusivi che testimonino l’assoluta utilità del casco in bici per la popolazione generale. Nel filmato in alto si vede il traffico ciclistico di Copenhagen, una delle città mondiale con il più elevato numero di ciclisti urbani. Come si vede dal filmato, pochi ciclisti danesi indossano il casco, sia in estate che in inverno.

Il casco è sicuramente utile per i ciclisti sportivi, che pedalano normalmente a velocità elevata e in certi casi in situazioni rischio medio ed elevato (ciclocross, mtb, downhill, ciclismo su strada in discesa in montagna). In alcune discipline ciclistiche sportive si usano anche ginocchiere, gomitiere e altre protezioni.

Per i ciclisti urbani l’effettiva utilità del casco è attualmente dubbia e indimostrata, particolarmente in caso di investimento ad alta velocità da parte di un’automobile.

Certo, se cadi e batti la testa avere il casco è meglio che non averlo, ma con questa logica si dovrebbe rendere obbligatorio il casco anche per salire e scendere le scale, oltre a renderlo obbligatorio in automobile, l’ambiente dove avviene un’altissima percentuale di traumi cranici e dove anche l’apertura dell’airbag comporta rischi di lesioni anche gravi. Infatti, come nel ciclismo sportivo tutti indossano il casco, nell’automobilismo sportivo il casco viene usato tanto nella Formula 1 quanto nei rally, dove in alcune categorie le velocità medie non sono molto superiori a quelle di una berlina in autostrada con famigliola a bordo.

Qui un’articolata analisi di Bikeitalia su benefici, illusioni e controindicazioni del casco in bicicletta con i link a tutti gli studi più recenti e autorevoli.

Qui sotto un filmato della testata inglese “The Guardian”, che esamina il problema dal punto di vista di uno dei pochi paesi europei dove il casco è obbligatorio per i ciclisti, giungendo alla conclusione che, per i ciclisti urbani, è controproducente perché induce alla riduzione dell’uso della bicicletta.

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Ex segretario ADCI, IAB. Istruttore di Yoga. Copywriter. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/benzinazero
Questa voce è stata pubblicata in Ciclismo urbano, Prevenzione incidenti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...