Più morti a 50 km/h, meno morti a 30 (e senza perdere tempo in strada)

1 impatto 30 - 50 - 60 km h

Possibilità di sopravvivenza in caso di investimento di un pedone o di un ciclista alle diverse velocità.

La velocità media nelle città è di circa 15 km/h. Diminuire la velocità massima in città da 50 km/h a 30 km/h avrebbe un’influenza minima sulla velocità media di spostamento, allungando i tragitti di pochissimo tempo perché una guida più regolare è meglio di continue frenate e accelerazioni.

Però salva molte vite, rendendo più sicure, meno rumorose e meno pericolose le strade urbane. Inoltre molte persone non avrebbero paura ad andare in bici in presenza di auto guidate in modo meno aggressivo.
Mentre in caso di impatto a 30 km/h con pedoni e ciclisti la probabilità di sopravvivenza è del 95%, a 50 km/h scende al 53%. Un impatto a 30 km/h equivale a cadere dal 1° piano, a 50 km/h dal 3°

2 impatto 30 - 50 - 60 km h

Equivalenza fra la velocità di impatto e l’altezza di una caduta. Un impatto a 50 km/h (una velocità erroneamente ritenuta “sicura”) equivale a cadere dal terzo piano.

 

3 impatto 30 - 50 - 60 km h

Tempi di reazione e distanza di arresto alle diverse velocità. Inoltre, più la velocità è alta, più l’angolo visuale è ristretto, rendendo difficile percepire ostacoli laterali, ciclisti, pedoni che si apprestano ad attraversare (da qui la leggenda dei pedoni “che su buttano sulle strisce”: in realtà è l’automobilista che va troppo veloce e percepisce il pedone solo quanto è troppo tardi).

Immagini da Genitori Antismog, Milano.

Qui la pagina Facebook di Genitori Antismog

Qui un’analisi tecnica sui vantaggi del limite a 30 km/h: 30 kmh in città riduce incidenti, morti, feriti, consumi e inquinamento [analisi].

Dieci pregiudizi sbagliati sul limite a 30 km/h.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Educazione stradale, Prevenzione incidenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Più morti a 50 km/h, meno morti a 30 (e senza perdere tempo in strada)

  1. Pingback: Le multe non resuscitano i morti | Benzina Zero

  2. Pingback: Traffico e incidenti: meglio obbligare il pedone a cose strane o rallentare le auto? | Benzina Zero

  3. Pingback: Abbigliamento catarifrangente: essere visibili non è la stessa cosa di essere visti | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...