In Italia il 60% degli spostamenti abituali sono sotto i 5 km [Isfort]

viale Belfiore firenze traffico 7 ott 2017

Molti potrebbero andare in bici o a piedi, perché il loro viaggio è inferiore a 5 km, il 40% addirittura meno di 2 km.

Secondo l’Istituto superiore di formazione e ricerca per i trasporti(Isfort) l’automobile è utilizzata dall’83 per cento degli italiani, nonostante il 60% degli spostamenti abituali non superi i cinque chilometri, il 40% i due chilometri e il 15% un chilometro.

Da Ciclabilità, primo ok della Camera alla legge. Meglio tardi che mai

Questi dati sugli spostamenti degli italiani per lavoro, vacanza, commissioni e divertimento, sono riportati nel documento  Proposta_Legge_Nazionale_Mobilita_Ciclistica, presentato il 16 aprile 2014, approvato il 15 novembre 2017 dalla Camera dei Deputati e attualmente in attesa di approvazione al Senato.

Questi dati sono concordi con quella che è l’esperienza di tutte le realtà urbane del mondo: un’alta percentuale di spostamenti urbani è sotto i 5 km, quindi perfettamente realizzabili in bicicletta, con bici tradizionali o a pedalata assistita,  e certamente non impossibili in intermodalità con in mezzi pubblici. Questa percentuale è ovviamente variabile da città a città, da contesto a contesto, ma è comunque una percentuale molto alta, come dimostra anche il caso di Los Angeles, una città dal territorio molto grande con enormi infrastrutture automobilistiche, dove gli spostamenti sotto i 4,8 km sono il 47%.

Questo significa che, soprattutto in area urbana, l’automobile non è l’unico mezzo di trasporto possibile, e in termini di efficienza non è neppure il principale vista la velocità media urbana e il problema irrisolvibile dei parcheggi nei centri città. Anche per i trasporti di merce e le consegne a negozi e abitazioni il furgone spesso è superfluo: secondo l’Università di Bruxelles, due consegne su tre potrebbero essere fatte in cargo bike, tradizionale o elettrica a pedalata assistita.

Quindi adesso è ufficiale: anche in Italia un’alta percentuale degli spostamenti urbani è sotto i 5 km. Quelli che lavorano a 30 km da casa sono una minoranza.

Annunci

Informazioni su Gianni Lombardi

Autore di libri e scrittore freelance. Ex pubblicitario. Istruttore di Yoga. -Blog, E-mail, Facebook, Twitter, Web, Pranayama, Filosofia Yoga -Tweet su Yoga, Internet, Bicicletta, Politica. Libri: http://owl.li/CESmh https://twitter.com/yogasadhaka
Questa voce è stata pubblicata in Trasporto sostenibile e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a In Italia il 60% degli spostamenti abituali sono sotto i 5 km [Isfort]

  1. Paolo Degli Antoni ha detto:

    Conosco una persona che per lavoro cinque giorni la settimana va da San Jacopino a Novoli (FI) e viceversa sola in auto, impiegando per 1,9 Km 8′, escluso il tempo per parcheggiare, che tuttavia nel suo caso non è molto; ci metterebbe 13′ di autobus a tratta (frequenza 6′), saranno 10′ di bicicletta quando verrà ripristinata la continuità della ciclopista Redi-Novoli. Conosco una famiglia che va a messa in automobile, 700m in 2′

    Mi piace

  2. Antonio Bianchi ha detto:

    Vado al lavoro da Firenze a Prato con la corsa CAP diretta del mattino in 53′: è logorante.
    In auto non sarebbe molto meglio, percorrerei i 19,2 Km in 28′ e non avrei problemi a parcheggiare vicino al posto di lavoro, mentre vicino a casa richiederebbe 10′ la ricerca di un parcheggio a 10′ a piedi da casa

    Mi piace

  3. Pingback: Nella progettazione delle strade urbane se dai la precedenza a pedoni e ciclisti è meglio per tutti. Se dai la precedenza alle automobili è peggio per tutti. | Benzina Zero

  4. Pingback: Nella progettazione delle strade urbane se dai la precedenza a pedoni e ciclisti è meglio per tutti. Se dai la precedenza alle automobili è peggio per tutti. | Benzina Zero

  5. Pingback: Usa: 59,5% degli spostamenti in automobile sono sotto gli 8 km (5 miglia) [NHTS 2017] | Benzina Zero

  6. Pingback: La cargo bike invece di auto o furgone per famiglia, lavoro, logistica, consegne: costa meno e spesso è meglio [video] | Benzina Zero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...